1782
“From The Graveyard”

Provenienti dalla provincia di Sassari, i 1782 sono un terzetto composto da Marco Nieddu (voce e chitarra), Gabriele Fancellu (batteria e backing vocals) e Francesco Pintore (basso, nonché anche membro degli Apneica), il cui nome rende omaggio a tutte le streghe assassinate dal bigottismo religioso di diverse generazioni. Mi ero avvicinato a questo loro secondo lavoro dal titolo “From The Graveyard”, dopo aver sentito parlare bene del loro self-title debut del 2018, ma che non ho avuto modo di poter ascoltare, ma ero già a conoscenza che i principali riferimenti nel sound della band erano maestri Doom quali Black Sabbath ed Electric Wizard, anche se io aggiungerei anche i primi Cathedral, ed era quindi ben chiaro che la band guardasse a questi riferimenti per la creazione di un Doom lento ed ossessivo, nonché molto rispettoso di queste discendenze, capace di evocare atmosfere ipnotiche e sulfuree attraverso le marce chitarre di Nieddu ed i colpi di basso distorto di Pintore. Pur amando alla follia questo genere, “From The Graveyard” non è riuscito a fare più di tanto breccia nelle mie orecchie. Probabilmente, se li avessi ascoltati dal vivo, sarei stato tutto il tempo con la testa a fare headbanging al ritmo dei colpi di Fancellu, ma in questa sede li ho trovati un po’ troppo nella media e dotati di un suono non proprio perfetto. Pur avendo qua e là spunti interessanti, come la stupenda chiusura di organo su “Black Void”, il disco si adagia troppo sulle basi del genere in questione, senza dar modo di mettere in risalto la personalità del terzetto. Come scritto poc’anzi, la stessa produzione secondo me non ha aiutato più di tanto, e probabilmente una chitarra più grassa e corposa sarebbe stata molto più di impatto e incisiva. Inoltre, non nascondo che Nieddu avrebbe potuto fornire una prestazione vocale decisamente migliore. Tuttavia, non si può assolutamente parlare di disco pienamente insufficiente, dal momento che ogni traccia qualcosa di buono lo mostra, ma non nascondo una certa delusione nell’ascolto di questo “From The Graveyard”.

Contatti: Facebook
Etichetta: Heavy Psych Sounds Records
Anno di Pubblicazione: 2021
TRACKLIST: 01. Evocationis (Intro); 02. The Chosen One; 03. Bloodline; 04. Black Void; 05. Inferno; 06. Priestess Of Death; 07. Seven Priests; 08. In Requiem
Durata: 43:28 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.