AL AZIF
“Sombras Sobre Una Pared Calcinada”

Per tutti gli appassionati di letteratura horror, Al Azif è di sicuro un nome ben noto, essendo il titolo dell’originale versione araba, scritta dal poeta pazzo Abdul Alzhared, del ben più famoso Necromonicon, il fantomatico libro scritto dal grandissimo Howard Philip Lovecraft. Allo stesso tempo è anche il monicker scelto da un quintetto spagnolo, che guarda caso rivolge le proprie musiche e i propri testi al terribile universo dei Grandi Antichi, che con questo “Sombras Sobre Una Pared Calcinada” vede finalmente il traguardo del debutto sulla lunga distanza. Infatti, gli Al Azif hanno già alle spalle circa sedici anni di onorata carriera, costellata purtroppo solo da un bassissimo numero di uscite, ovverosia un demo del 2004, “H.P.L.”, ed un EP autoprodotto nel 2011, “La Nueva Plaga”. Ora, con questo “Sombras Sobre Una Pared Calcinada”, che si dovrebbe tradurre come ombre sopra una parete calcinata, la band tenta di dare una netta scossa alla propria carriera a colpi di un furioso e solido Death/Thrash dalle fosche tinte apocalittiche. Infatti, queste due componenti che contraddistinguono il sound dei madrileni vengono dosate in modo molto variabile, passando da un Death Metal lineare di stampo americano dell’opener “Ritos De locura”, attraverso forti richiami ai Sepultura del periodo d’oro (“El Horror” o “Infierno”) fino ad arrivare ad esempi di puro Thrash scuola Testament (“Perros De Tindalos” o “Irrealidad”). Pur mancando totalmente di originalità e forse anche di un briciolo di omogeneità compositiva, gli Al Azif possono però contare sulla presenza di un growler di alto livello come Lusmi, una sezione ritmica solida e davvero compatta, in cui spicca l’ottimo suono del basso di Alvaro, ed una produzione ben livellata. “Sombras Sobre Una Pared Calcinada” è un lavoro che, anche per la sua breve durata, si ascolta ben volentieri, sebbene manchi di vere e proprie killer-track, se si esclude la conclusiva “Infierno”. Insomma, non so se con questo “Sombras Sobre Una Pared Calcinada” gli Al-Azif riusciranno ad uscire dal folto sottobosco underground, ma la tenacia che hanno mostrato è sicuramente da premiare.

BRIEF COMMENT: Al Azif is a five-pieces band from Spain that takes its name from the original arab version of Necronomicom, as stated by Lovecraft in his books. As you may expect, “Sombras Sobre Una Pared Calcinada”‘s lyrics are focused on the Great Old Ones, while the music is a modern and solid Thrash/Death Metal in which these two styles are merged in different doses, from pure Death to a Testament-oriented Thrash, passing through the influences of the golden age of Sepultura.

Contatti: Facebook
Etichetta: Rock-CD Records
Anno di Pubblicazione: 2015
TRACKLIST: 01. La Cthulhu; 02. Ritos De Locura; 03. El Horror; 04. Perros De Tindalos; 05. Irrealidad; 06. El Ocaso; 07. Infierno; 08. Waiting For The Turning Point (Superjoint Ritual Cover)
Durata: 25:10 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.