AMAZE KNIGHT
“The Key”

Devo ammettere di essere rimasto piuttosto spiazzato, quando, al primo ascolto di questo “The Key”, mi sono ritrovato davanti ad una band dall’ alta carattura tecnica ed autrice di un Progressive Metal di buona fattura. Infatti, contrariamente alle mie abitudini, avevo proceduto all’ascolto dell’album senza aver fatto alcuna ricerca sul web o aver letto alcuna biografia ed info varie al riguardo, tanto che, lasciandomi un po’ influenzare dal solo nick Amaze Knight, avevo immaginato già di dover recensire una band dedita al Power Metal più ortodosso, con i soliti testi dedicati a cavalieri, eroi, draghi e quanto di più trito ci può essere nel mondo Fantasy. Invece, i cinque torinesi si presentano al loro debutto assoluto armati di un concept-album, una tecnica strumentale di altissimo livello ed un sound che, seppur fortemente debitore di maestri sacri del genere come Dream Theater o Fates Warning, risulta già essere carico di personalità.

Nati nel 2010 dall’incontro tra il chitarrista Christian Dimasi ed il batterista Michele Scotti, ben presto gli Amaze Knight si stabilizzano in una formazione a cinque elementi con il vocalist Fabrizio Aseglio ed il bassista Matteo Cerantola, a cui si aggiunge successivamente il tastierista Davide Gemello. Il loro debutto “The Key”, attualmente autoprodotto insieme al Sound Engineer Roberto Maccagno, viene descritto dalla stessa band come “un concept album che descrive le emozioni, esperienze e riflessioni, attraverso una storia comune che lega una canzone all’altra, con un sound vario e imprevedibile dato dalle influenze musicali che ognuno di loro porta con se”. Purtroppo, non avendo avuto modo di poter dare una occhiata alle liriche, non posso dare ulteriori dettagli al riguardo, ma c’è da dire che anche così “The Key” si dimostra una disco davvero godibile. Infatti, i cinque torinesi riescono a creare un buon equilibrio tra interessanti parti strumentali, alcune di esse davvero fantasiose nel costruire ritmiche fuori dagli schemi (“Imprisoned (Shadows Past)”), ed un discreto utilizzo della melodia, soprattutto per creare atmosfere più intime e personali (“Heartless”), che nel caso della seconda parte di “Liberation” sfruttano anche citazioni colte di musica classica. La produzione è davvero buona, con il basso di Cerantola sempre in evidenza, ed un sound di batteria potente ed incisivo. L’unico aspetto che mi lascia giusto qualche dubbio riguarda l’operato di Aseglio. Non che canti male o sia stonato, ovvio…ma ho come la sensazione che, o a causa della produzione, o per qualche suo demerito, spesso le sue parti vocali vengano schiacciate dall’imponente sezione strumentali alle sue spalle. Anche nelle parti più soft, come nella suite finale di “Liberation”, il suo cantato non riesce a cogliere pienamente quanto seminato strumentalmente dalla band. Però, ripeto, è una sensazione personale che non è suffragata da prove oggettive.

Tuttavia, eccetto questo aspetto, “The Key” è un lavoro che merita almeno un ascolto da parte di ogni appassionato di Progressive Metal. Forse i cinque torinesi hanno bisogno di personalizzare un pochino di più la loro proposta, ma c’è davvero poco da dover suggerire agli Amaze Knight, ed il fatto che la band ne abbia reso gratuito il download su Bandcamp, non lascia spazio a scuse di alcun tipo per fornire loro un minimo di supporto.

BRIEF COMMENT: “The Key”, self-released debut album by Amaze Knight, is an ambitious concept album in which the band shows great instrumental skills and a good ability to build intimate tunes and melodies. The influence from the American Prog Metal masters like Dream Theater or Fates Warning is clear, but the personality of Amaze Knight is still strong enough. A surprising discovering.

Contatti: Facebook
Etichetta: Autoprodotto
Anno di Pubblicazione: 2013
TRACKLIST: 01. Imprisoned (Shadows Past); 02. Restless Soul; 03. Heartless; 04. Liberation (The Reflection); 05. Liberation (A New Day)
Durata: 47:39 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.