AS AUTUMN CALLS
“Cold, Black & Everlasting”

Il mese dei morti si avvicina, l’inverno è (quasi) alle porte e tutto ciò riveste una grande influenza anche a livello di ascolti. Il ritorno dei canadesi As Autumn Calls viene proprio in nostro aiuto regalandoci la perfetta colonna sonora delle meste giornate di autunno inoltrato: il secondo full length “Cold, Black & Everlasting” ci consegna un grumo di melodie malinconiche, aspre e nostalgiche che dovrebbero destare l’attenzione di quanti vivono di pane e Doom Metal.

Il genere sopracitato potrebbe andare un pò stretto per gli As Autumn Calls in quanto il loro sound gode di diverse contaminazioni: i rocciosi e sfiancanti riff di chitarra sono arricchiti da drappeggi melodici annichilenti, dolorosi e siderali. Questo connubio, riscontrabile in tutti i pezzi della band, è in grado di creare atmosfere tanto soffuse quanto tossiche; un pò quanto accadeva in quel capolavoro di “The Silent Enigma” degli Anathema. “Black Night Silent” è uno dei brani più sofferti e allo stesso tempo desolati che mi sia capitato di sentire negli ultimi tempi: ogni singola nota, ogni arpeggio è uno stillicidio, mentre le vocal delicate ci cullano in un eterno oblio per poi trasformarsi in uno screaming agghiacciante. Gli inglesi riescono a toccare punte di pathos e drammaticità elevatissime anche nelle tracce maggiormente movimentate e cupe come “These Doleful Shades”, dove un drumming solenne e cadenzato fa da sfondo a pattern impetuosi e claustrofobici. “Darkness Reflected” è invece l’emblema dell’anima decadente e tormentata di questo album e della sua oscurità strisciante che si insinua attraverso tonalità “agrodolci” ma che si rivelano, sulla lunga distanza, vere e proprie stilettate. Fraseggi tediosi, lenti e incerti imperversano in “Darkness Confined”, che si incendia all’improvviso con brevi ma intense sfuriate che portano con sé tanta rabbia repressa e una desolazione interiore infinita. Le emozioni di “Cold, Black & Everlasting” sono instabili, contorte ma estremamente forti, un pò come spesso accade nell’animo umano, ed espresse attraverso un songwriting dannatamente maturo ed ispirato che non ha nulla da invidiare ai maestri del genere, My Dying Bride in primis. Se amate il Death/Doom o il dolore e la negatività fatta in musica, “Cold, Black & Everlasting” è la sorpresa di questo autunno; un gioiellino da scoprire.

BRIEF COMMENT: The new album by As Autumn Falls is a must-have for Anathema and My Dying Bride fan and for all who loves melodic Doom Metal, thanks to painful and decadent atmospheres and gloomy, tedious and solemn melodies.

Etichetta: Rain Without End Records
Anno di pubblicazione: 2013
TRACKLIST: 01. Haunted; 02. Black Night Silent; 03. These Doleful Shades; 04. The Light Which No Longer Shines; 05. Darkness Reflected; 06. Darkness Confined; 07. Darkness Everlasting
Durata: 65:15 min.

Autore: Nivehlein

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.