AZAGHAL / MUSTAN KUUN LAPSET
“Uusi Suomalainen Black Metal Tulokas”

C’è veramente ben poco da dire da parte del sottoscritto su questo “Uusi Suomalainen Black Metal Tulokas”, split che vede gli Azaghal confrontarsi con i conterranei Mustan Kuun Lapset. Come ho già accennato quando ho recensito “Helvetin Yhdeksän Piiriä”, i pezzi che compongono questo lavoro sono a mio avviso quanto di meglio gli Azaghal siano riusciti a fare nella loro lunga carriera. Infatti, la band capitanata dal buon Narqath, che vede ancora JK Nokturnal nelle semplici vesti di session al basso e chitarre aggiuntive, riesce ad ottenere un mix perfetto fra il Darkthrone sound di “Mustamaa”, le velocità esasperate del suo successore, e la volontà di voler provare nuove soluzioni che caratterizzerà “Of Beasts & Vultures”. A parte questo, bisogna dire che i finlandesi tirano fuori dal cilindro cinque tracce di caratura elevata, a partire dal mega anthem “Black Terror Metal”, passando per la malinconia che trasuda dall’impronunciabile “Inhimillisyyden Tuollapuolen”, fino ad arrivare alle mazzate di puro Black finnico di “Toinen Tuleminen” e agli scampoli Black/Thrash di “Ihmisviha” e “Luoti”. Insomma, una cinquina che non lascia davvero scampo.

Per dovere di cronaca, ma anche perché ho seguito per diverso tempo le evoluzioni dei Mustan Kuun Lapset, andiamo a vedere cosa ci propone il quartetto originario di Hollola. Parlando a titolo personale, sono sempre stato incuriosito ed attratto dal loro particolare Melodic Black Metal, che per certi versi può ricordare i Naglfar degli esordi. I tempi sono sempre piuttosto serrati, con le chitarre in continuo tremolo picking e le tastiere, suonate dal chitarrista/cantante Pete Lehtinen, efficaci nel donare un mood oscuro e tenebroso al tutto. Ognuno dei quattro brani è di buon livello, come del resto tutta la loro discografia fino a “Talveranta”, ma tra loro spiccano indubbiamente l’elaborata “Minä Olen Ensilumi”, dotata di alcuni passaggi melodici assolutamente notevoli, e la conclusiva “Lilith”, dotata di un main riff dalla melodia dal sapore quasi folkloristico assolutamente da KO. Quello che forse ha un po’ frenato i Mustan Kuun Lapset nel corso della loro carriera, oltre ad una immagina assolutamente nella norma e fuori dai classici cliché dell’epoca, è stato l’aver cercato di mantenere troppo in evidenza un aspetto melodico, non sempre accompagnato da una freschezza compositiva sulla parte più propriamente Black.

BRIEF COMMENT: “Uusi Suomalainen Black Metal Tulokas”, a split between Azaghal and Mustan Kuun Lapset, includes some of the best tracks by Narqath&co. thanks to a letal mix of “Mustamaa”‘s Darkthrone-like sound, “Helvetin Yhdeksän Piiri䔑s speed and “Of Beasts & Vultures”‘s new influences, with “Black Terror Metal” as the best one. As for Mustan Kuun Lapset, the finnish band releases four tracks that prove its good songwriting skills.

Contatti: Facebook (Azaghal) / Myspace (Mustan Kuun Lapset)
Etichetta: Nocturnal Music
Anno di pubblicazione: 2000
TRACKLIST: 01. Mustan Kuun Lapset – Ei Sävyjä Pimeässä ; 02. Mustan Kuun Lapset – Minä Olen Ensilumi; 03. Mustan Kuun Lapset – Kuka Palvoo Saatanaa; 04. Mustan Kuun Lapset – Lilith; 05. Azaghal – Toinen Tuleminen; 06. Azaghal – Inhimillisyyden Tuollapuolen; 07. Azaghal – Black Terror Metal; 08. Azaghal – Ihmisviha; 09. Azaghal – Luoti
Durata: 41:01 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.