BAPTISM
“As The Darkness Enters”

Ho atteso ben quattro anni che i finlandesi Baptism rilasciassero un seguito a quel capolavoro che corrisponde a “Grim Arts Of Melancholy”, un perfetto esempio di Black Metal di estrazione finnica, ma drogato con malinconiche melodie estratte dal depressive, quando ecco che sullo scadere dell’appena trascorso 2012, la Northern Heritage rilascia questo nuovo “As The Darkness Enters”. Di questo nuovo lavoro, la novità più interessante è soprattutto quella che vede i Baptism diventare una vera e propria band, nonostante la figura di Lord Sargofagian rimanga il punto centrale del gruppo, con l’arrivo di LRH alla batteria (in realtà già presente sull’EP “Chalice Of Death”), il session live TG alla chitarra solista, Syphon (alias Petri Seikkula dai Deathbound ed O) al basso e Spellgoth (vocalist degli Horna, Prevalent Resistance e Trollheim’s Grott) ai synth. Oltre a questa bella schiera di musicisti, su “As The Darkness Enters” troviamo anche la presenza come additional vocal di vere e proprie star del Black finnico, quali Infection dei già citati Horna (“The Prayer”), Hoath Torog dei Behexen/Sargeist (“Chalice Of Death”) e Wrath degli Enochian Crescent (“Casus In Tenebris”). Insomma, Lord Sargofagian si è costruito una bella macchina da guerra per questo quarto full-lenght, ed il risultato finale risulta essere di una qualità talmente elevata da finire immediatamente nella mia top 5 personale di questo 2012 appena conclusosi.

Dopo una breve introduzione fatta di rintocchi di campana ed oscure litanie gregoriane, “Bringer Of Misery” ci rovescia senza troppi complimenti una cascata di gelido Black Metal finnico, dal quale emerge immediatamente quella vena malinconica e desolante che ha sempre contraddistinto la band. La produzione è estremamente curata e cristallina, quasi svedese, ma perfetta nell’esaltare sia la potenza che la melodia espressa. La successiva “Chalice Of Death” era già presente nel precedente ed omonimo EP, ed è una traccia più muscolare e con qualche spruzzatina di Thrash in qualche riff (un po’ mi ha ricordato gli Azaghal di “Helvetin Yhdeksän Piiriä”), ma che al momento opportuno ti tira fuori quella zampata melodica che ti stende sul colpo. “This Prayer” è il vero capolavoro del disco, la perfezione firmata Baptism. In questo brano troviamo esaltate all’ennesima potenza tutte le caratteristiche tipiche dei finladesi, ed il passaggio in clean vocals è uno degli high-light dell’album. La qualità si mantiene sempre alta anche con la successiva “Esoteric Spheres”, con i suoi continui cambi di tempo ed atmosfera. Molto belle anche la lunare “Sieluni Tempeli” e l’evocativa suite finale di “Casus In Tenebris”, nella quale si riconoscono subito i lamenti vomitati tipici degli Enochiant Crescent di Wrath.

Nel complesso ottima la prova vocale di Lord Sargofagian, che con il suo scream completa perfettamente le immagini notturne evocate dai riff di chitarra, mentre ad emergere prepotentemente nel disco sono i pattern di batteria in continua evoluzione di LRH, vera sopresa del disco. Insomma, in un 2012 avaro di uscite Black Metal interessanti, i Baptism se ne escono con un lavoro assolutamente da manuale, forse deficitario di originalità, ma se la band ha una personalità e ed uno stile ben definito, onestamente un bel chissenefrega è d’obbligo. D’altronde, ormai si fa’ veramente a fatica a trovare band che ti tirino fuori dal cilindro tracce del calibro di “Bringer Of Misery” e “This Prayer“, per non dire poi capaci di mantenere un perfetto equilibrio tra la tradizione finnica e quel tocco di depressive (non sputtanato) che fornisce la ciliegina sulla torta portata in tavola dalla band. Bentornati!

BRIEF COMMENT: The long awaited come back from the finnish masters Baptism is finally arrived! Lord Sargofagian transforms his creature in a real four-piece band, and the result of this new “As The Darkness Enters” is absolutely marvellous. The band continues its obscure trip by its faboulous mixing of finnish arsh Black Metal and melancholic tunes derived from the Depressive. There are few surprises in the album, but this work shines above almost all the Black Metal releases of the 2012.

Etichetta: Northern Heritage
Anno di Pubblicazione: 2012
TRACKLIST:01. Introduction; 02. Bringer Of Misery; 03. Chalice Of Death; 04. The Prayer; 05. Esoteric Spheres; 06. Sieluni Temppeli; 07. Spell Of Penitence; 08. Casus In Tenebris
Durata: 46:18 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.