BLASPHEMER
“Ritual Theophagy”

Se a fine marzo mi trovate a parlarvi di un album uscito nell’ottobre dell’anno scorso non è perché all’improvviso hanno smesso di arrivarci richieste, ma semplicemente perché si tratta di una release che mi sento in dovere di segnalarvi. Sotto i nostri riflettori questa volta c’è “Ritual Theophagy” dei nostri connazionali Blasphemer, una band attiva già da quasi vent’anni e con un buon esordio alle spalle (“On The Inexistence Of God”, uscito però parecchio tempo fa, nel 2008) che, a dispetto del nome, non si dedica ad un Black Metal tutto satanassi e caproni ma piuttosto ad un Brutal Death di chiara matrice americana. A dirla tutta, la valenza blasfema insita nel monicker trova comunque pieno riscontro nelle tematiche affrontate dai lombardi, che da questo punto di vista non ricalcano l’approccio più tipico del genere a base di frattaglie sanguinanti ma si avvicinano per certi versi a quello di gruppi come i Deicide. Del resto, non ho nominato a caso la creatura di Glen Benton, dato che la voce di Paolo Maniezzo ricorda quella del frontman del combo floridiano, anche se abbondano comunque i momenti più tipicamente Brutal in cui il vocalist mostra tutta la propria versatilità. Da un punto di vista prettamente musicale, la facilità con cui i Blasphemer fanno coesistere l’anima Death e quella Brutal, in un malsanissimo incesto tra i Deicide di “Legion” e “Once Upon The Cross” ed i Suffocation, è davvero rimarchevole, e dei pezzi come l’iniziale “Suicide For Satan” ed “Obscuring The Holy Light” sono qui a dimostrarlo. Insomma, da fruitore occasionale non posso che applaudire e sottolineare l’ottima prestazione offerta dai nostri nei trenta minuti scarsi di questo “Ritual Theophagy”, un lavoro coinvolgente e trascinante che mostra un gruppo perfettamente a proprio agio in questa dimensione. Dirò di più, fossero tutti così gli album, allora si che non avrei difficoltà a diventare un fanatico di questo genere.

BRIEF COMMENT: After a long silence, Blasphemer have come back with their second full length “Ritual Theophagy”, an impressive Brutal Death Metal album in which they’ve wonderfully combined the furious sound of early Deicide with the violence of bands such as Suffocation. Surely a must have for every fan of the genre.

Contatti: Facebook
Etichetta: Comatose Music
Anno di pubblicazione: 2016
TRACKLIST: 01. Suicide For Satan; 02. You Are Nothing; 03. Jesus Rapes; 04. Worship In The Void; 05. Antichristian Extremism; 06. Annihilated Divinity; 07. Obscuring The Holy Light; 08. Crucifix Of Shit (Stench Of Prophet); 09. Fetishistic Idolatry Of The Cross; 10. I Deny; 11. Ritual Theophagy
Durata: 28:02 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.