BRANT BJORK
“Tres Dias”

Pur amando alla follia la fulgida epopea dei Kyuss, mi porto addosso da anni la mancanza di non aver mai seguito la lunga e prosperosa carriera del suo batteria Brant Bjork. Certo, non nascondo di aver mai seguito più di tanto nemmeno i più conosciuti Queens Of The Stone Age dell’altra metà creativa dei Kyuss, ossia Josh Homme. Comunque sia, a colmare tale vuoto ci pensa la Heavy Psych Sounds, che ha avviato una prima serie di ristampe dell’intera discografia solista del nostro Brant. Non sapendo da dove iniziare, ho deciso di pescare un po’ a naso, e tra i vari dischi proposti dall’etichetta ho optato per “Tres Dias”. Per chi conosce l’artista americano, saprà certamente che questo “Tre Dias” è un disco un po’ atipico. Si tratta, infatti, di una specie di sfogo acustico, registrato da solo praticamente in tre giorni, da cui il titolo, nel quale ha fatto confluire una manciata di brani estratti dai precedenti lavori “Jalamanta” e “Keep Your Cool”, con altre tracce che in seguito faranno parte dei successivi “Somera Sòl” e “Punk Rock Guilt”. Un disco praticamente fatto solo da chitarra acustica e voce, con la presenza di una chitarra solista che arricchisce gli scarni arrangiamenti con piccole incursioni blues. La voce di Brant è calda e rilassata, e sebbene i brani possano alla lunga risultare un po’ ripetitivi nella loro struttura, il disco è veramente bello. Trasmette propria la sensazione di un viaggio in macchina attraverso un assolato deserto messicano. Brant riesce a trasmetterti il calore dell’asfalto bollente, il sudore che ti scorre lungo la schiena ed il vento che ti scompiglia i capelli. I miei brani preferiti sono senza alcun dubbio “Too Many Chiefs” da “Jalamanta”, la chitarra stoppata di “Love In Revolution”, la psichedelia a piccole dosi di “The Native Tongue”, presente poi nel successivo “Somera Sòl”, e la conclusiva e malinconica “The Knight Surrenders Today”, unico brano realmente inedito di “Tres Dias”. Se questi sono i presupposti dei lavori del buon Brant Bjork, sarò quindi obbligato a dovermi riscoprire la sua intera discografia solista.

BRIEF COMMENT: This reissue of the acoustic album “Tre Dias” from the former Kyuss drummer, is a release in which Brant Bjork plays old and new songs, which later will be released in the album “Somera Sòl” and “Keep Your Cool”, just with an acoustic guitar and bluesy solo guitar. His vocals are warm and relaxing, giving to the listeners the feeling of a car ride through the desert. Even though the few arrangements of the tracks may make them look too much similar, this album is very good and relaxing. The perfect soundtrack of the last summer.

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: Heavy Psych Sound
Anno di pubblicazione: 2007, 2018 (Reissue)
TRACKLIST: 01. Too Many Chiefs; 02. Love Is Revolution; 03. Chinarosa; 04. The Native Tongue; 05. Video; 06. Right Time; 07. The Messengers; 08. The Knight Surrenders Today
Durata: 32:34 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.