Fractal Generator
“Macrocosmos”

Nonostante ritenga Fractal Generator un nome piuttosto fico per una band al punto da aver attirato la mia attenzione, dall’altra la possibilità di avere tra le mani l’ennesimo gruppo di onanisti strumentali era davvero alta. Fortunatamente il terzetto canadese evita di cadere in questa mia previsione, optando per un Death Metal cupo e oppressivo, estremamente debitore di pilastri del Death americano quali Morbid Angel e Nile, nel quale i synth fungono da vera e propria quarta dimensione, fornendo ai brani di questo “Macrocosmos” quelle atmosfere Sci-fi promesse dalla bella cover. Infatti, alla base di questo lavoro c’è la storia di un gruppo di astronauti che, durante un viaggio verso un distante sistema solare, scoprono la vera natura dell’intero universo e della propria esistenza. Un concept solido ed anche discretamente interessante, soprattutto per coloro, che come il sottoscritto, sono amanti di questo tipo di tematiche. Continua a leggere