LACOLPA
“Mea Maxima Culpa”

Se proprio dovessi scrivere di getto un pensiero relativo al debutto sulla lunga distanza di questo gruppo a nome LaColpa, mi limiterei banalmente a descrivere la sua cover. La loro musica è tutta racchiusa in quella specie di ectoplasma/vomito che viene espulso dall’enigmatica donna ritratta in copertina. Un magma nero contente tutto il nostro male di vivere, ricco di debolezze e malignità, che si espande senza alcun limite, come in una sorta di catarsi o purificazione interiore, lungo i quaranta minuti scarsi di questo debutto intitolato “Mea Maxima Culpa”. Continua a leggere