OVO
“Miasma”

Dopo il fangosissimo “Creatura”, vero e proprio rito d’iniziazione personale al culto degli Ovo, a distanza di quattro anni eccomi tornare a parlare del duo composto da Stefania Pedretti e Bruno Dorella a proposito di questo nuovo “Miasma”, che già dal titolo sembra preannunciare una nuova immersione in profondi liquami sonori. L’esordio è bruciante, la violenta cantilena di “Mary Die” sembra proseguire il discorso di “Creatura”, dove tra i patterns primitivi ma dannatamente efficaci di Dorella e la chitarra sulfurea e melmosa della Pedretti, iniziamo la discesa nel personale girone infernale del duo. Tuttavia, la successiva “You Living Lie”, mostra già dei primi segnali di cambiamento con delle aperture verso sonorità leggermente più accessibili ed atmosferiche. E’ solo un piccolo accenno, visto che in “Queer Fight”, prima traccia presentata in anteprima del disco, si ritorna a sguazzare allegramente nel fango, dove, tra distorsioni massicce e vibranti feedback, si viene letteralmente travolti dalla brutalità del brano. Questa rabbia viene poi imprigionata nella successiva “Testing My Poise”, una stranissima collaborazione con la trapper (credo) svedese Gnučči, assolutamente non etichettabile, dove Ambient, Sludge e Trap conflagrano in un unicum straniante. Continua a leggere

OVO
“Creatura”

Il ritorno degli Ovo ha rappresentato per me una delle recensioni più difficili da fare. Era la prima volta che mi confrontavo con la terrificante creatura nata dalle menti di Stefania Pedretti e di Bruno Dorella, ed in effetti il duo non ha fatto il minimo sconto. La loro musica è un pozzo nero di melma ribollente per il drumming primitivo e pulsante di Dorella, che funge da base per il vero e proprio sabba infernale messo in scena dalla Pedretti. Nonostante un sound in apparenza molto minimale, gli Ovo mettono all’interno dei loro brani una ricchezza stilistica davvero impressionante. La pesantezza tipica dello Sludge, accenni e sfuriate Post-Hardcore, incubi Noise, ma anche sferzanti e maligni passaggi Black Metal, tutto questo si ritrova completamente distorto e filtrato negli incubi sonori che prendono vita in questo “Creatura”. Continua a leggere