ROGGA JOHANSSON
“Entrance To The Otherwhere”

Avevo già avuto a che fare con il buon Rogga Johansson e la sua infinità prolificità, giusto un paio di estati fa, ed in particolare, con l’uscita di “Land Of Weeping Souls” dei suoi Paganizer. Sebbene l’esaltazione retrò dello Swedish Sound che si trova alla base di questo progetto non mi sia affatto dispiaciuto, tale lavoro non mi aveva però convinto fino a fondo. Poi, a fine luglio con la catalogazione di tutte le richieste arrivate nel corso dei due mesi precedenti, mi sono trovato i promo digitali di ben due progetti da parte del buon Rogga, entrambi rilasciati tramite l’etichetta Trascending Obscurity Records. Il primo è questo che porta il calce il suo nome, mentre l’altro è niente di meno che il nuovo Paganizer, la cui uscita è prevista per fine ottobre. Volendo dare una seconda chance al chitarrista svedese, ho deciso quindi di recensirli entrambi, partendo ovviamente dal primo, più che altro per capire meglio come il musicista svedese sia in grado di dividersi tra più progetti musicali.. Supportato solamente dal batterista Brynjar Helgetun, presente anche in altri progetti di Johansson, quali Megascanvenger e Johansson & Speckmann, questo “Entrance To The Otherwere”, sin dalla prima traccia “The Re-Emergers”, è un lavoro, che rispetto a quanto sentito con i Paganizer, mette in evidenza il lato melodico del suo compositore Continua a leggere

RELINQUISHED
“Addictivities (Pt. I)”

Terzo full-lenght in carriera e prima parte di una lunga opera musicale dedicata alle terribili esperienze legate alle dipendenze da droghe, questo il corposo biglietto da visita presentato sul nostro sito da questo quintetto che austriaco che risponde al nome di Relinquished. Uscito inizialmente in digitale intorno alla metà dello scorso dicembre, e successivamente licenziato anche in versione fisica dalla tedesca NRT Records, questo “Addictivities (Part 1)” è un lavoro che sin da subito mi ha dato del grosso filo da torcere. Il loro riferimento principale sono essenzialmente gli ultimi Dark Tranquillity, a cui aggiungono sovente delle atmosfere opprimenti e claustrofobiche che richiamano spesso e volentieri gli ultimi Katatonia. I cinque austriaci non disdegnano nemmeno di infilare qualche improvvisa sfuriata di puro Death svedese, o persino Black Metal. Continua a leggere

RABID DOGS
“Italian Mysteries”

Dopo essermisi rotto lo stereo ad inizio dell’anno, continuo le mie disavventure tecnologiche con la rottura del mio tablet cinese, comprato soltanto lo scorso novembre. Avevo scommesso molto sulla tecnologia asiatica a basso prezzo, ma mi sa che la mia sfiga con la tecnologia ad ora è fin troppo potente. Fortunatamente, ad incanalare queste mie varie incazzature ci hanno pensato questi tre maledetti cani arrabbiati, provenienti dal piccolo paesino di Atessa, che con questo “Italian Mysteries” sganciano una bomba sonora di dimensioni apocalittiche. Da vero appassionato di gialli, non potevo che essere immediatamente attratto dalla loro cover, ricordante in maniera evidente la mitica collana dei gialli Mondadori. Continua a leggere