SOMMOSSA
“Autentica”

Per i trevigiani Sommossa vale un po’ il discorso fatto per i loro compagni di etichetta The Vasto, ovverosia hanno un monicker che sembra voler ispirare rabbia e rivolta anche se poi all’ascolto si rivelano di natura completamente diversa. Fortunatamente, le similitudini finiscono qui poiché i Sommossa, guidati dalla calda voce del chitarrista Diego Bizzarro, sono riusciti in qualche maniera ad attirare la mia attenzione. Infatti, la proposta musicale del trio si potrebbe definire come uno strano incrocio tra Rock Alternativo, Post-Grunge e canzone d’autore, dal quale emergono con forza la già citata voce di Bizzarro, che mi ha ricordato uno strano incrocio tra il Renga dei Timoria e Manuel Agnelli, ed il potente basso di Paolo Martini, che insieme al suo compare Marco Tirenna alle pelli, formano una solida e variegata base ritmica. Continua a leggere

STILLA
“Synviljor”

Che gli Stilla non fossero un gruppo semplice, lo si era ben capito dal loro precedente “Skuggflock”, il cui ascolto aveva preso praticamente l’intera estate. A due anni e passa da quel periodo, eccoli tornare sulla scena con un nuovo full length dal titolo “Synviljor”. Anche in questo caso, sono almeno un paio di mesi che mi concentro quasi esclusivamente sull’ascolto di questo lavoro, e nonostante tutto non riesco ancora a farmene un’opinione personale. Infatti, se da una parte sono presenti dei brani veramente spettacolari, come la doppietta che apre le danze “Frälsefrosten”“Skogsbrand”, capaci di ricreare in un sol colpo le atmosfere del Black Metal norvegese dei bei tempi d’oro, fatte di chitarre sporche e crepuscolari aperture di synth, dall’altra tendo puntualmente a perdermi nella seconda parte del lavoro. Continua a leggere

SHENANIGANS
“Muta In Potenza”

Penso di avere già detto in qualche altra recensione che l’Hardcore è stato per molti anni, utilizzando una famosa espressione anglosassone, non propriamente “my cup of tea”. Eppure, considerando che molta roba etichettata come Post-Hardcore mi garba parecchio, e che ritengo “Zen Circus” degli Husker Du un lavoro per me di estrema importanza, ho da tempo maturato l’intenzione di voler iniziare a conoscere in modo più approfondito questo genere musicale. In tale contesto, i parmigiani Shenanigans cadono decisamente a fagiolo. Pur rimanendo perfettamente ancorati ad un contesto sonoro tipico dell’Hardcore, non sono così infrequenti parecchi sconfinamenti in ambito più gustosamente Thrash Metal. Ma d’altronde, è ben risaputo che il confine tra i due generi è stato spesso attraversato anche da gruppi decisamente importanti come Slayer o Sacred Reich, tanto per limitarsi a qualche nome da poco. Continua a leggere

SELVANS
“Faunalia”

Pur non avendolo recensito essendomi capitato tra le mani un bel po’ di tempo dopo la sua uscita, il debutto dei Selvans non era decisamente uno di quegli album che passano via indifferenti, vuoi per la sua intrinseca bellezza vuoi per la maturità compositiva decisamente sopra la media, in questo aiutati dall’esperienza fatta già in altre band (vedi Draugr). Per quanto personale e affascinante, “Lupercalia” rimaneva comunque un full length profondamente legato ad un Black Metal di stampo tradizionale che lasciava intravvedere solo in minima parte l’enorme potenziale che i nostri sono riusciti a mettere sul piatto con questo “Faunalia”. Parlare di questo secondo lavoro sulla lunga distanza dei Selvans non è però per nulla facile, anzitutto perché questo “Faunalia” è molto più che un semplice album, è un’esperienza sonora eclettica ed intrisa di lucida follia che ci porta, a partire da una base Black, per altro meno marcata rispetto all’esordio, su territori non tanto mai esplorati, ma difficili da trovare fusi nello stesso contesto. Continua a leggere

SHAKMA
“House of Possession”

Quando ho ascoltato per la prima volta gli Shakma, il pensiero è subito corso agli Infant Death, una band che avevo recensito agli albori di questa ‘zine. Oltre a condividere la stessa patria, anche questi norvegesi devono essere cresciuti nel culto dello Speed/Thrash degli anni ’80. Attivi dal 2014 e con alle spalle un EP, “Night of Torment”, uscito due anni più tardi, qualche mese fa i nostri hanno dato alle stampe il loro debutto sulla lunga distanza. Questo “House of Possession”, diciamolo chiaramente fin da subito a scanso di equivoci, non brilla certo per originalità o per particolari spunti tecnici, eppure l’ascolto non si rivela per nulla noioso o prolisso grazie ad un’aggressività tanto spontanea quanto coinvolgente. Continua a leggere

SARGEIST
“Unbound”

Preparando questa recensione del nuovo full length, il quinto, dei Sargeist sono andato a risentirmi “Let The Devil In” e “Feeding The Crawling Shadows”, non tanto per riannodare le fila del discorso, ma più che altro per vedere quanto il mio giudizio fosse mutato. Anche se il loro ricordo era ancora abbastanza vivo pur non avendoli quasi più ascoltati per intero, col tempo quei quattro o cinque pezzi risentiti qua e là mi avevano messo la classica pulce nell’orecchio, ed ora devo ammettere che il mio parere si è quasi ribaltato. La cosa di per se non sarebbe poi così rilevante, eppure questo mio “pentimento” mi ha portato ad avvicinarmi a questo “Unbound” con un approccio più equilibrio e meno umorale e, in buona sostanza, scevro da aspettative da fan. Continua a leggere

SPELLBLAST
“Of Gold And Guns”

Parlare della miticia epoca del Far West avendo un nome quale Spellblast, potrebbe sembrare ai più una mossa azzardata, se non addirittura un controsenso. Soprattutto se hai alle spalle già tre album quasi tutti incentrati su tematiche dal gusto tipicamente fantasy. Eppure, se pensiamo che il precedente “Thirteen” era ispirato alla serie de “La Torre Nera” di Stephen King, allora questo innamoramento per pistoleri e saloon non risulta più così campato in aria. inoltre, c’è anche da dire che la band capitanata dal chitarrista Luca Arzuffi ha evitato di rendere una macchietta la sua visione del Western, mantenendo le proprie coordinate musicali su un robusto Power Metal, che strizza l’occhio sia alla Germania, un certo gusto barocco delle orchestrazioni non possono non rimandare che agli ultimi Blind Guardian, sia oltreoceano verso gli Iced Earth di mister Jon Schaffer. Continua a leggere

SACRO ORDINE DEI CAVALIERI DI PARSIFAL
“Heavy Metal Thuderpicking”

Un nome come Sacro Ordine Dei Cavalieri Di Parsifal, accorciato dagli stessi musicisti in Sacro Ordine, non poteva assolutamente passarmi sotto il naso senza suscitarmi un minimo di curiosità. Sebbene questo “Heavy Metal Thunderpicking” sia il loro esordio sulla lunga distanza sotto l’egida dell’etichetta italiana Sliptrick Records, la storia di questi paladini del Metal parte decisamente più indietro nel tempo. Infatti, la band risulta essere stata creata intorno al 2001 dal cantante Paolo Fumis e dal chitarrista Carlo Venuti, ma nonostante questa lunga anzianità di servizio alle spalle, la fortuna non deve aver arriso molto ai Sacro Ordine. Continua a leggere

SADISTIK FOREST
“Morbid Majesties”

Ricordo perfettamente che venni a conoscenza di questi Sadistik Forest diversi anni fa, quando un mio amico mi disse di ascoltare due gruppi che a loro modo considerava una buona riproposizione del tipico Swedish sound. Le band in questione erano ovviamente proprio i Sadistik Forest, che in quel periodo avevano appena pubblicato il loro omonimo album d’esordio, e i Tribulation, freschi di debutto col loro acclamatissimo “The Horror”. Anche se rimasi più attratto verso i secondi, nonostante poi smisi di seguirli già dal successivo “The Formula Of Death”, il debutto del quartetto finnico mostrava già una totale dedizione alla causa ed una serie di pezzi tutto sommato abbastanza godibili. Continua a leggere

SOJOURNER
“The Shadowed Road”

A neanche due anni di distanza dal sorprendente esordio con “Empires Of Ash”, non posso certo nascondere che ero piuttosto curioso di andare a sentire se il progetto Sojourner sarebbe stato in grado di ripetersi ancora a così alti livelli. Ampliata ulteriormente l’internazionalizzazione con l’arrivo in line up dell’italiano Riccardo Floridia dietro le pelli, i nostri si sono subito rimboccati le maniche e, come detto, in breve tempo hanno dato vita a questo “The Shadowed Road”. Se già la copertina tra il Fantasy e l’onirico lascia suggerire più di una vicinanza con il precedente full length, bastano già le prime note dell’opener “Winter’s Slumber” per dissipare ogni altro eventuale dubbio, con i Sojourner che sembrano non essere mai usciti dallo studio di registrazione. Continua a leggere

夢遊病者 (SLEEPWALKER)
“5772”

Inizialmente pubblicato sul finire 2016 in maniera autonoma dalla stessa band, questo “5772” è poi stato successivamente ristampato su tape e vinile nel novembre dell’anno scorso da Sentient Ruin Laboratories, con la collaborazione della etichetta italiana Annapurna per la distribuzione europea. Bisogna quindi ringraziare la label americana, che dopo l’incredibile canto del cigno dei Buioingola riesce a scovare questo misterioso trio il cui nome è rappresentato dagli ideogrammi 夢遊病者, la cui traduzione è Sleepwalker, e che risulta formato da musicisti provenienti da tre diversi angoli del pianeta, ossia Stati Uniti, Giappone e Russia. Continua a leggere

SPECTRALE
“▲”

Se pubblico questa recensione diversi mesi dopo la data d’uscita di questo “▲”, non è tanto perché la richiesta è arrivata tardi o perché mi sono preso indietro ma, molto più semplicemente, perché ho avuto bisogno di molto più tempo rispetto ad altri album per entrate in sintonia con esso. Anche se fin da subito mi è stato chiaro che, prima o dopo, avrei voluto parlarvi di questo lavoro del progetto Spectrale portato avanti dal francese Jeff Grimal, il guaio è che ogni volta che cercavo di buttare giù qualche riga finivo per perdermi in discorsi inconcludenti. Un po’ come adesso, del resto, visto che ancora non so come iniziare. Continua a leggere

SECTESY
“In The Secretion Of Upcoming Days”

Iniziamo questo nuovo anno di lavoro, tra l’altro incominciato subito con la rottura del mio fedele stereo, con questo simpatico gruppetto di origine ceca, che potrebbe essere stato tranquillamente formato dopo l’ennesima maratona televisiva di “The Walking Dead”. Infatti, questi Sectesy si presentano abbigliati nei loro cd e video vestiti da veri e propri zombi. Se il loro “sobrio” outfit e le copertine ricche di sbudellamenti vari potrebbero far pensare all’ennesimo gruppo slam di serie Z, ci pensa già l’opener di questo “In The Secretion Of Upcoming Days”, intitolata non a caso “Eaten Alive”, a sparigliare completamente le carte. Continua a leggere

STRATO’S
“Lo Sbirro, La Liceale, Il Maniaco”

Difficile dare un giudizio oggettivo netto sulla particolarità di questa proposta proveniente dal quintetto originario di Parma denominato Strato’s. Non tanto per le capacità strumentali e compositive dei nostri, che son infatti a dir poco impressionanti per la loro capacità di ricostruire in maniera assolutamente credibile il mood generato dalle colonne sonore dei tipici film italiani degli anni settanta, attingendo in particolare dal filone poliziesco (lo sbirro), commedia sexy (la liceale) e thriller (il maniaco). Infatti, gli stessi Strato’s si definiscono una sorta di tribute band che, a partire dalle cover di diversi temi sonori, sono arrivati poi a crearne di propri in maniera talmente filologicamente perfetta che potrebbero essere tranquillamente scambiati per degli originali dell’epoca. Continua a leggere

SCUORN
“Parthenope”

Anche se è andata smarrendosi sempre più per strada con l’esplosione del genere e la sua “globalizzazione”, una tra le peculiarità che rendeva per certi versi unico il Black Metal primigenio era l’esaltazione dei luoghi natii e della cultura e delle tradizioni ad essi legati. In tal senso, se già il titolo, il monicker ed il logo (ma anche l’artwork) lasciavano davvero ben pochi dubbi, ci pensa l’etichetta di “Parthenopean Epic Black Metal” a darci la certezza che questo debutto sulla lunga distanza della one man band Scuorn affondi le proprie radici nel culto di tutto ciò che ruota attorno a Napoli ed al Vesuvio. Nonostante si tratti, come detto, sostanzialmente di un esordio, “Parthenope” sembra essere stato covato sotto le ceneri decisamente a lungo, se è vero com’è vero che il factotum Giuliano Latte (alias Giulian) aveva dato vita alla forma germinale di alcuni pezzi già quasi otto anni or sono con il demo “Fra Ciel’ E Terr'”. Continua a leggere

SUNTERRA
“Reborn”

Ad ascoltare questo EP degli austriaci Sunterra, avrei certamente immaginato di aver a che fare con una band alle prime armi ed ancora alla ricerca di un proprio stile musicale. Invece, questi Sunterra hanno dalla loro una lunga esperienza decennale, fatta di ben tre full-lenght, e una discreta attività live. Come evidenziato dal suo titolo, “Reborn” è il risultato della reunion avvenuta nel 2015 dopo un lungo silenzio durato ben nove anni. Ritornando a quanto ho scritto ad inizio recensione, lo stile proposto dai Sunterra è il classico Gothic Metal che piace tanto ai tedeschi, con il growl di Carlos ad alternarsi alle voci eteree di Lilly, i chitarroni squadrati alla Rammstein e, per non farsi mancare niente, pure qualche deragliamento in ambito puramente danzereccio (vedasi la tamarrissima “This Is W.A.R.”). Continua a leggere

SØNDAG
“Bright Things”

Dopo il Punk melodico dei Let It Slide, torno a parlarvi di una nuova release uscita per Overdub Recordings, ovvero il debutto di questo quartetto piacentino chiamato Søndag. Accompagnati dalla curiosa definizione di Low Tuned Rock, indicativa del fatto che entrambi i chitarristi utilizzano chitarre ad otto corde, i Søndag sono giunti al qui presente “Bright Things” dopo relativamente poco tempo dalla loro fondazione. Infatti, i primi incontri tra il batterista Riccardo Lovotti ed il chitarrista Marcello Lega risalgono a metà 2015, provenendo entrambi da un altro gruppo chiamato Edema. Perciò, il tempo di sistemare la line-up con il secondo chitarrista Marco Benedetti ed il bassista Riccardo Demarosi, che prenderà anche il posto di lead vocalist, ed i Søndag sono stati praticamente pronti per entrare in studio per registrare il loro disco di debutto. Continua a leggere

INTERVISTA SOLITVDO – D.M.

“Immerso In Un Bosco Di Querce” era stato un fulmine a ciel sereno nel panorama dell’Atmospheric Black italiano. Ora, il progetto Solitvdo torna sulle scene con il nuovo “Hieràrkhes”, un lavoro che mostra un lato musicale più scarno rispetto al passato, ma decisamente più complesso per quanto riguarda la parte lirica. A chiarire ed esplicitare tutto il concept lirico di questo nuovo album ci pensa il mastermind D.M., che si dimostra ancora una volta estremamente loquace nell’andare nei meandri più nascosti dell’universo Solitvdo. Ecco cosa ci ha raccontato. Continua a leggere