SKIALYKON
“Aura Kósmos I: Madre Notte”

Oserei quasi dire che Vulr, il mastermind che si cela dietro il progetto Skialykon, abbia come suo principale obiettivo quello di mettere in serie difficoltà l’ascoltatore, o forse sarebbe meglio specificare ascoltatori sempre incasinati come il sottoscritto. Infatti, per riuscire ad entrare nei meandri di questo “Aura Kósmos I: Madre Notte”, che segue di quasi sei anni l’ottimo debutto di “Vestigio”, ho dovuto dedicare diversi mesi di ascolto prolungato e nonostante tutto faticavo a venirne a capo. Poi, ad un certo punto, è come se fosse partito un clic nelle orecchie, e da quel momento la bellezza del lavoro si è dischiusa in tutta la sua grandiosità. Capisco che gli ultimi mesi lavorativi sono stati piuttosto massacranti, e che quindi approcciare ad un disco del genere con la mente occupata da altri pensieri non è proprio il massimo, però c’è anche da dire che lo stesso debut album mi creò al tempo gli stessi problemi di ascolto. Non so che dire, alla fine il buon Vulr si cimenta in un ottimo Black Metal di derivazione norvegese, con i vecchi Satyricon ben presenti tra le sue primarie influenze, ma che in questo “Aura Kósmos I: Madre Notte” sembra quasi voler rivolgere il proprio sguardo verso il cielo ed alle meraviglie del cosmo, creando un effetto piuttosto straniante tra il pulsare feroce delle screaming vocals e di una drum machine lanciata sempre a manetta, e l’ariosità e grandiosità delle melodie creata da chitarra e synth, il cui suono sembra voler evocare l’immensità del cosmo. Continua a leggere

SKIALYKON
“Vestigio”

Ci sono dischi che quando li ascolti sono in grado di farti immergere completamente nella loro realtà musicale, dischiudendosi totalmente davanti alla nostra sensibilità. La loro forza risiede indubbiamente anche nel fatto che, per rendere palpabili sulla propria pelle certe sensazioni, non bisogna possedere un preciso “mood atmosferico”, dal momento che è il disco stesso a portartelo. Poi, al contrario, ci sono esempi, come il qui presente esordio del progetto Skialykon, one-man band italiana portata avanti da Vulr, in cui la resa dell’opera è strettamente connessa al proprio stato d’animo. Volendo mettere anche un po’ le mani avanti, chiarifico che la qualità presente in questo “Vestigio” non è assolutamente in discussione, ma semplicemente devo evidenziare una forte ermeticità nell’entrare nel mondo sonoro costruito da Vulr. Infatti, pur essendo ormai alcuni mesi che lo ascolto, mi risulta ormai palese che solamente in un determinato stato d’animo e con la massima attenzione alla musica riesco a fare mia l’essenza racchiusa tra i solchi del disco. Continua a leggere