CENDRA
“666 Bastards”

Anche se cerco sempre di non farmi troppo influenzare dal titolo e dalla copertina di un album, ci sono volte in cui è veramente difficile non farlo, come è accaduto per questo “666 Bastards” degli spagnoli Cendra, terzetto attivo dal 2009 che non fa niente per celare un’attitudine che strizza pesantemente l’occhio al “proto” Black Metal degli anni ’80 e, di conseguenza, pure ai Darkthrone di “F.O.A.D.”, “Dark Thrones & Black Flags” e “Circle The Wagon”. Su di una base tipicamente Black Metal, i nostri mischiano infatti influenze Heavy, Thrash e Punk, finendo per ricordare ora i Venom o i primi Bathory, ora i Discharge, quando non addirittura i Mayhem di “Deathcrush” o i Morbid. Sul fronte dell’originalità, niente di rilevante da segnalare quindi, ma per quanto concerne la genuinità e la spontaneità, si sente subito che i Cendra sono mossi da una sana passione e che cercano di trasmettere con la loro musica tutta l’energia che hanno in corpo. Questo secondo lavoro degli iberici trova infatti la sua ragione d’essere se lo si vede come un’uscita votata totalmente al puro divertimento, non presentando infatti alcuna velleità al di fuori di un contesto che non si voglia prendere troppo sul serio. Per come la vedo io, l’unico metro di valutazione di album del genere è quindi la sola capacità di far scapicollare l’ascoltatore, e in questo devo dire che “666 Bastards” fa benissimo il suo dovere, regalando dodici pezzi che raramente superano i tre minuti e che puntano tutto su una sezione ritmica basilare ma ben calibrata e su un riffing altrettanto scarno e minimale ma a prova di headbang. Dovendo segnalare qualche traccia in particolare, la mia scelta cade su “Mort”, “Fart” e “Dimonis Motöritzats”, ma in fin dei conti l’intero lavoro si lascia ascoltare tutto d’un fiato senza momenti morti, con la voglia anzi di farlo ripartire subito che fa più di qualche volta capolino. Insomma, se state cercando un album da mettere su senza troppi pensieri, i Cendra e il loro “666 Bastards” potrebbero fare al caso vostro.

BRIEF COMMENT: With their second full length “666 Bastards”, spanish Cendra show a pretty enthralling album in which some Heavy, Thrash and Punk influences are merged with Black Metal patterns. Although they are far from being original, sometimes reminding of Venom or early Bathory works, the songs are very catchy and surely worth a listen if you are looking for headbanging music.

Contatti: Bandcamp
Etichetta: Xtreem Music
Anno di pubblicazione: 2015
TRACKLIST: 01. Satànic D-Beat; 02. Argh!!!; 03. 666 Bastards; 04. Mort; 05. Dalla; 06. Cementiri Rocker; 07. Sang, Suor I Alcohol ; 08. Tot És Una Porqueria!; 09. Fart; 10. Dimonis Motöritzats ; 11. Privant Fins Rebentar ; 12. Castell Okupat
Durata: 28:14 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.