CHARUN
“Mundus Cereris”

Se proprio dovessi scegliere solo tre aggettivi per descrivere questo terzo lavoro a firma Charun, sceglierei affascinante, notturno e prevedibile. Certo, questi aggettivi piazzati così, senza alcun contesto di contorno, potrebbe far sembrare che il sottoscritto sia andato in contro a qualche crisi schizofrenica. Eppure, questa è in estrema sintesi la visione che mi sono fatto di questo “Mundus Cereris”, che vede il quartetto capitanato dal chitarrista Nicola Olla spostare il proprio Post-Metal sempre più verso lidi più tipici del Post-Rock, mettendo ancor più in evidenza l’alternanza tra momenti soffusi ed esplosioni ricche di gain di chitarra distorta. Come ho già detto, “Mundus Cereris” sembra risplendere di una luce opaca, notturna, capace di generare una atmosfera ricca di mistero, pur mostrando ingredienti piuttosto semplici e basilari. È tutto piuttosto prevedibile in questo lavoro, eppure nonostante questo il disco funziona. La produzione è praticamente perfetta, capace di modulare in modo perfetto le dinamiche sonore dei brani, ma tenendo sempre potente ed incisiva la coppia basso-batteria, suonati rispettivamente da Simone Lo Nardo e da Daniele Moi. Al contrario, le due chitarre di Olla e Marras riescono a sviluppare le loro trame variando in continuazione suoni e dinamiche. Certo, ogni tanto qualche passaggio risulta essere piuttosto scontato però, come ripeto, il disco mi risulta estremamente affascinante, raggiungendo la soglia del capolavoro con “Nethuns”, una traccia soffice e delicata, dalle sonorità vagamente riconducenti ai Sigur Rós, e che vede la presenza di Stefano Guzzetti al piano come guest star. Fantastica è anche la successiva “Menvra”, dedicata a quella che i Romani chiameranno Minerva, che pur facendo un po’ il verso ai Mogwai nel crescendo finale, riesce a raggiungere dei climax emotivi decisamente intensi. Insomma, se proprio volete farvi un bel viaggio atmosferico e spirituale, questo “Mundus Cereris” farà decisamente al caso vostro.

BRIEF COMMENT: With its new “Mundus Cereris” Italian band Charun is back with another very good Post-Rock album full of evocative atmospheres.

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: Third I Rex
Anno di pubblicazione: 2018
TRACKLIST: 01. Malacoda; 02. Mae; 03. Laran; 04. Nethuns; 05. Menvra; 06. Vanth
Durata: 44:37 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.