CHELIDON FRAME
“A Desert Displays”

Metto temporaneamente da parte per una settimana le recensioni dell’anno corrente per potervi parlare di un lavoro che sto ascoltando da diverso tempo, ma di cui non ero ancora riuscito a trovare l’ispirazione per scrivere alcunché, ossia del nuovo EP del progetto Chelidon Frame dal titolo “A Desert Displays”. Uscito lo scorso ottobre in un elegante formato tape per conto della label italiana Sounds Against Humanity, questo nuovo lavoro da parte del suo mastermind Alessio Premoli, pur essendo di breve durata, mi ha comunque dato diversi grattacapi al momento di buttare giù una recensione. Infatti, pur avendolo ascoltato diverse volte, ed avendo ben chiaro che si tratta di un buon lavoro, continuava a rimanere in qualche modo piuttosto sfuggente alle mie orecchie. Probabilmente sono io che sto iniziando a flippare dopo questa lunga e sfiancante, e per fortuna solo mentalmente, pandemia, ma, eccetto la centrale “And Numbers Are Mortal” che risulta la più classicamente Ambient del lotto, mi risulta molto complicato darvi una idea del resto del lavoro. Infatti, Alessio ha deciso di implementare la propria musica con un deciso ricorso ai field recordings, donando al disco un senso di realtà che francamente non ricordavo nei suoi lavori precedenti. Una realtà francamente spiacevole ed opprimente, priva di esseri umani, ma non per questo morta, ravvivata proprio da questi inserti ambientali che dimostrano quanto la natura non abbia bisogno di noi per andare avanti, e non è un caso che l’unica presenza dell’uomo siano brevissimi frammenti di messaggi audio nella parte finale della conclusiva “Ararat (Lies Askew)”. Forse ho divagato troppo, e probabilmente sono andato decisamente fuori tema, visto che la spiegazione presente nella bio di accompagnamento parli di sogni e delle sensazioni da esso lasciati al nostro risveglio, ma queste sono le sensazioni che ho ricevuto dal suo ascolto e non ci posso fare niente. That’s all.

 

Contatti: Facebook
Etichetta: Autoprodotto
Anno di Pubblicazione: 2021
TRACKLIST: 01. A Moth Is Dreaming On The Wall; 02. And Numbers Are Mortal; 03. Ararat (Lies Askew)
Durata: 28:12 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.