CLANDESTINE BLAZE
“Harmony Of Struggle”

Il 2013 ha segnato il ritorno, dopo tre anni di assenza, di un’altra realtà fondamentale del Black Metal più oltranzista e distruttivo da quindici anni a questa parte: i Clandestine Blaze. Mikko Aspa, mastermind del progetto finnico, riparte proprio dal precedente “Falling Monuments” regalandoci nove inni al terrore e alla distruzione.

Per certi versi “Harmony Of Struggle” si rivela ancor più malsano e venereo del precedente album in quanto le chitarre sono permeate da un’ignoranza e da una malvagità così ostenata da scatenare un pandemonio sonoro ai livelli dei Katharsis. Lo screaming è famelico come non mai e si erge sulle chitarre saettanti e scarnificanti dalle quali emergono grumi di note stridenti al limite del fastidio e dell’autolesionismo; ingredienti miscelati nella loro forma più distruttiva in “Wings Of The Archangel”. “Autumn Of Blood And Steel” è l’esempio della maestria di Clandestine Blaze nel creare dissonanze morbose e fetide grazie ai riffs fluidi che si sovrappongono incessantemente sopra ad un drumming preciso e cadenzato: odio a profusione e un sentore di gelo perenne vengono espressi con un tocco quasi diabolico e ultraterreno. Se questi due brani mostrano il lato più contorto e plumbeo, con “White Corpse” Mikko Aspa sfodera il lato più brutale e immediato del Black metal giocato su pattern fulminei e minimali mentre i mid tempo soffocanti e viscosi di “Myth Turned Alive”, sublimati da una produzione sporca e polverosa, rimandano alle atmosfere di “Panzerfaust” dei Darkthrone. Merita una menzione anche “Memento Mori II” dalle strutture quasi Funeral Doom avvolte da un’aura post apocalittica intensificata da inquietanti e spettrali vocals filtrate. Con “Harmony Of Struggle” la one man band finlandese conferma il suo talento nel confezionare lavori nel solco del Black metal più classico ma senza risultare per questo ripetitiva, nonostante la loro formula speciale sia pressoché inalterata sin dagli esordi. Un must have per i fan del Black Metal scandinavo.

BRIEF COMMENT: “Harmony Of Struggle” is another masterpiece by Clandestine Blaze in which can be found oppressive and morbid atmospheres combined with morbid and sharp guitars full of hate. A must-have for Scandinavian Black Metal fans!

Contatti: Myspace
Etichetta: Northern Heritage
Anno di pubblicazione: 2013
TRACKLIST: 01. Memento Mori; 02. White Corpse; 03. Myth Turned Alive; 04. Face Of Granite; 05. Messiah For The Dying World; 06. Wings Of The Archangel; 07. Memento Mori II; 08. Autumn Of Blood And Steel; 09. Memento Mori III
Durata: 39:02 min.

Autore: Nivehlein

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.