CRIPPLE BASTARDS
“La Fine Cresce Da Dentro”

A poco più di quattro anni da “Nero In Metastasi”, i Cripple Bastards tornano a farsi sentire con questo “La Fine Cresce Da Dentro”, loro settima fatica sulla lunga distanza. Ecco, la recensione potrebbe chiudersi qui, e non per un mio maldestro tentativo di trasporre in parole l’urgenza e la concisione espressiva tipica del Grind, ma per un motivo molto più prosaico: non serve spendere molte parole sui Cripple Bastards, o si amano o si odiano, non possono esistere mezze misure. Gli astigiani capitanati dal buon Giulio The Bastard del resto non hanno mai fatto fortunatamente nulla per rendere più appetibile la propria proposta ed anche questa volta tirano dritti per la propria strada a suon di mazzate tra i denti, forti di una attitudine che non è cambiata di una virgola da quella degli esordi. Ciò detto, anche se questo lavoro esce nell’anno in cui ricorre il trentennale della creazione della band, sarebbe comunque sin troppo facile voler vedere in questa loro nuova fatica una sorta di riassunto di ciò che è stato. Pur non mancando degli elementi che potrebbero far propendere in tal senso, come il mezzo passo indietro rispetto alle atmosfere più cupe del precedente “Nero In Metastasi” e anche la presenza di schegge impazzite di una manciata di secondi, vedi il trittico formato da “Interrato Vivo”, “Equilibrio Ansiogeno” e “Quali Sentieri”, questa possibile chiave di lettura non mi convince affatto, perché i Cripple Bastards e la loro musica sono andati, vanno ed andranno sempre oltre a questi aspetti. Quello che compongono è quello che è dettato dal momento, zero calcoli e nessun progetto a tavolino. Se poi ne escono fuori dei gioiellini come “Non Coinvolto”, “La Memoria Del Dolore” o le punkeggianti “Ombra Nell’Ombra” e “Nervi In Guerra”, i picchi di un album che già di suo viaggia su livelli decisamente alti, beh, la fine crescerà pure da dentro, ma per i Cripple Bastards i titoli di coda sono ancora ben lontani.

BRIEF COMMENT: Italian Grind masters Cripple Bastards strike back with “La Fine Cresce Da Dentro”, an impressive full length in which they show us how they can still destroy and kick ass even after three decades of music. Mindblowing.

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: Relapse Records
Anno di pubblicazione: 2018
TRACKLIST: 01. Suicidio Assistito; 02. Non Coinvolto; 03. La Memoria Del Dolore; 04. Passi Nel Vuoto; 05. Ombra Nell’Ombra; 06. Due Metà In Un Errore; 07. Chiusura Forzata; 08. Dove Entra Il Coltello; 09. Crimine Contro L’Immagine; 10. Narcolessia Emotiva; 11. Nervi In Guerra; 12. Sguardo Neutro; 13. Interrato Vivo; 14. Equilibrio Ansiogeno; 15. Quali Sentieri; 16. Decessi Per Cause Sconosciute; 17. Recidive; 18. Crociati Del Mare Interno
Durata: 28:52 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.