DEADLY CARNAGE
“Through The Void, Above The Suns”

Anche se ad esser sincero non sono mai riuscito ad apprezzarlo fino in fondo, il Post-Black in tutte le sue varie contaminazioni rimane un ascolto che di tanto in tanto mi concedo volentieri. L’idea di andare a sentire una band che con le precedenti uscite aveva ricevuto dei giudizi positivi un po’ da tutte le parti quindi mi stuzzicava, al punto che mi sono avvicinato con più di qualche aspettativa a questo “Through The Void, Above The Suns”. In questo loro quarto full length i Deadly Carnage, a dispetto di un monicker che sembrerebbe promettere ben altro e che riflette i loro inizi in territori prettamente Black, si cimentano appunto in un Post-Black intriso di influenze Doom e Post-Rock formalmente ineccepibile e ambizioso, essendo stato il tutto sviluppato tra l’altro come un concept album. Il guaio, almeno per quel che mi riguarda, è che nonostante ogni elemento sia al posto giusto, alla fine della fiera non è scoccata nessuna scintilla, come se i vari brani non riuscissero a trasmettermi i propri “flussi di brillanza”, per dirla con parole loro. Vi dirò, mi spiace perché mi rendo conto che a molti altri, specie agli amanti del genere, questo lavoro potrà piacere davvero molto, ma pur con tutta la mia buona volontà non sono riuscito a trovare degli spunti in grado di farmi pensare di essere alle prese con un’uscita a cui avrei dato più di un canonico ascolto se non fosse stato per preparare questa recensione. E badate bene, questo non perché si tratti di un lavoro impegnativo, cervellotico o difficile da interiorizzare, ma semplicemente perché non è mai entrato nelle mie corde. Insomma, inutile girarci tanto intorno e meglio essere onesti e ammettere la mia “incompatibilità” con “Through The Void, Above The Suns”, un album che in ogni caso sono più che sicuro troverà un ampio consenso da parte di tutti quelli che riusciranno ad entrarne in sintonia.

BRIEF COMMENT: “Through The Void, Above The Suns” is the fourth full length by Deadly Carnage, an Italian band that plays a Post-Black Metal with Doom and Post-Rock influences. Surely worth a listen if you are into the genre.

Contatti: Facebook
Etichetta: Aeternitas Tenebrarum Musicae Fundamentum
Anno di pubblicazione: 2018
TRACKLIST: 01. Quantum; 02. Matter; 03. Hyle; 04. Cosmi; 05. Lumis; 06. Ifene; 07. Fractals; 08. Divide; 09. Entropia
Durata: 45:23 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.