DEATH
“Individual Thought Patterns”

Mi sento quasi in imbarazzo a dover affrontare la recensione di un mostro sacro quale “Individual Thought Patterns”, ritenuto da molti (e non a torto) l’apice compositivo assoluto della band di Chuck Schuldiner. La stessa line-up si dimostra essere ad altissimo livello tecnico, con l’arrivo alla chitarra di Steve Larocque, uno dei miei chitarristi preferiti di sempre, direttamente dai King Diamond, la conferma di Steve Di Giorgio al basso, e poi l’arma letale per eccellenza, sua maestà Gene Hoglan alla batteria. L’intesa tra i quattro è perfetta, Hoglan devasta tutto il devastabile, pur mantenendo ben presente il lato progressive emerso in “Human”, ben sorretto dal fretless di Di Giorgio, abile anche nel ritagliarsi degli spazi solisti, degni di un jazzista. Su questo ben di dio, ovviamente Chuck & Andy non posso che mettere in piedi uno spettacolo chitarristico di proporzioni immense, tra i quali emergono degli scontri solistici da far invidia ad un G3 di Satriani. Da una parte, l’immensa classe cristallina da shredder di Larocque, dall’altra il solismo nervoso e lacerante di Chuck.

Ma di cosa altro dobbiamo parlare? Dei testi? Veri e propri gioielli letterali, che si pongono anni luce dal classico ricettacolo di caproni, satanassi e squartamenti vari. Dei singoli brani? Ma veramente ritenete che esista qualcuno che non abbia mai ascoltato “Overactive Imagination”, la famosa “The Philosopher” o la superlativa sezione solistica di “Trapped In A Corner”? Ma fatemi il piacere!!!

Insomma, è inutile girarci intorno, “Individual Thought Patterns” è uno di quei dischi che bisognerebbe conoscere nota per nota, parola per parola.

“Aggression is sadness and laughter is pain
Look deep into their eyes for what they have to say
Emotions take control of life everyday.
Unpredictable variations of behavior,
Hold the key to the mental door
Where nothing is everything, and everything is nothing
Staring beyond the wall a thousand times over”

BRIEF COMMENT: Recorded with Death‘s best line up ever, “Individual Thought Patterns” is one of those albums that should be known note by note, words by words. It’s a masterpiece that touches the soul, peaking its best with immortal and timeless songs like “Trapped In A Corner” and “The Philosopher”.

Etichetta: Combat Records
Anno di Pubblicazione: 1993
TRACKLIST: 01. Overactive Imagination; 02. In Human Form; 03. Jealousy; 04. Trapped in a Corner; 05. Nothing Is Everything; 06. Mentally Blind; 07. Individual Thought Patterns; 08. Destiny; 09. Out of Touch; 10. The Philosopher
Durata: 40:07 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.