ENSHINE
“Origin”

Enshine è un progetto franco-svedese nato nel 2009 dalla collaborazione tra il chitarrista Jari Lindholm ed il vocalist Sebastien Pierre e ben presto allargatosi con l’ingresso al basso di Siavosh Bigonah e del batterista Oscar Borgenstam, entrambi nelle vesti di sessionmen per la registrazione di questo album di debutto intitolato “Origin”. Distribuito dalla Nachtmusic Records, ma sostanzialmente autoprodotto in trecento copie sotto la fantomatica sublabel Rain Without Ends, “Origin” è senza alcun dubbio un lavoro interessante, nel quale il duo LindholmBorgenstam è riuscito a creare un sound che, pur prendendo spunto dal Melodic Death svedese di Edge Of Sanity e Dark Tranquillity del periodo “Haven”/“Projector”, riesce ad avvolgere l’ascoltatore fino a trasportarlo in una sorta di limbo spaziale simile a quello fortemente evocato dalla bella cover del disco.

Le chitarre di Lindholm sono rocciose e precise come da tradizione svedese, mentre i suoi frequenti interventi da solista investono il suono degli Enshine di una forte componente Progressive. L’ampio utilizzo delle tastiere, sia come rafforzo sonoro, che come vere e proprie protagoniste di momenti al limite del new-age, è l’elemento che maggiormente permette di separare il duo franco-svedese dai propri maestri ispiratori. Altro punto di contatto della band sono sicuramente i Katatonia, da cui assorbono sia l’utilizzo della clean guitar che, soprattutto, quelle atmosfere di totale e sconfortante malinconia che dominava capolavori quali “Brave Murder Day” o “Discouraged Ones”. Lo stesso growl di Pierre, dotato di un timbro molto profondo, ricorda quanto fatto da Mikael Åkerfeldt sul già citato “Brave Murder Day”.

La partenza del disco è superlativa con tre brani di assoluto livello, con la terza traccia “Cinders” a svettare su tutto il resto, con gli Enshine a dare magnificamente il via al loro viaggio spaziale. “Astrarium” è un piccolo momento di quiete dalle forte tinte Progressive, nel quale si sente molto l’influenza del maestro Mike Oldfield, mentre la successiva “Ambivalence” riporta in moto la nave spaziale, mostrando un ampio uso di cori femminili ad opera di Sandy Mahrer ed una batteria decisamente più dinamica ed incisiva. “Nightwave” è invece il brano che più ricorda l’operato dei Dark Tranquillity, grazie ad un mix di oscura melodia ed aspre ritmiche. Dopo un ulteriore intermezzo soft con “Immersion”, si riprende con “Above Us”, una traccia che poco risalta nell’economia del disco, avendo diverse parti troppo simili a quanto già precedentemente ascoltato, ma comunque sempre di buon livello e dotata di un ottimo assolo di Lindholm. Il nostro viaggio spaziale giunge quindi a conclusione con un ulteriore strumentale intitolata “Constellation”, che chiude in maniera superlativa questo debutto.

Insomma, “Origin” è assolutamente un gran bel disco, e gli Enshine si dimostrano dei maestri nel prendere le basi del Death Melodico svedese trasformandole in una propria entità personale. Si tratta infatti di un disco che ti assorbe ed avvolge completamente, regalandoci una visione ad occhi aperti delle meraviglie del cosmo. Spero che in futuro la band riesca ad avere un contratto discografico serio, poichè per me questo loro debutto è sicuramente una delle sorprese dell’anno e non è improbabile che li ritroviate nella mia personale top 5 di fine anno.

BRIEF COMMENT: “Origin” is an interesting example of Progressive Melodic Death Metal that, although taking inspiration from the Swedish masters Dark Tranquillity and Edge Of Sanity, is able to show a band full of talent and originality, leading us into a real journey through the depth of the universe, thanks to melodic guitar solos and enveloping synths based over a solid Swedish Death Metal. One of the surprise of this 2013.

Etichetta: Rain Without Ends Records / Naturmacht Music
Anno di Pubblicazione: 2013
TRACKLIST: 01. Stream Of Light; 02. Refraction; 03. Cinders; 04. Astrarium; 05. Ambivalence; 06. Nightwave; 07. Immersed; 08. Above Us; 09. Constellation
Durata: 42:44 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.