SATYRICON / ENSLAVED
“The Forest Is My Throne / Yggdrasill”

“The Forest Is My Throne / Yggdrasill” è uno split album tra due band leggendarie della scena Black Metal norvegese quali Satyricon ed Enslaved. Questi mostri sacri del genere ci regalano una chicca che consiste fondamentalmente nella riproposizione delle seconde demo (datate rispettivamente 1993 e 1992) di entrambe le band, arricchite di un brano ciascuna, release che all’epoca sarebbero state altrimenti introvabili. Fin da subito, nonostante una produzione piuttosto grezza, i due gruppi mostrano in potenza ciò che diventeranno in atto negli anni successivi, anzi già a partire da questi lavori si intuisce chiaramente la differenza di intenti tra i due gruppi, e in un panorama ancora in pieno sviluppo come quello del Black Metal dei primi anni Novanta gli Enslaved colpiscono per la loro forte personalità.

Partiamo con i Satyricon, i cui quattro brani aprono l’intero album. “The Forest is My Throne” ci propone immediatamente il sound e le atmosfere che ritroveremo in “Dark Medieval Times”. Il cantato di Satyr è potente e graffiante, ci ghiaccia immediatamente come un “vento nero” a partire dal primo brano, con Frost che, pur senza arrivare alle velocità vertiginose della produzione successiva, ci mostra la sua maestria con la batteria. Siamo nella terra dei ghiacci e dell’inverno, una terra fredda e oscura. “Min Hyllest Til Vinterland” verrà riproposta con un riarrangiamento differente anche nel primo album ma non è superfluo dire che il fascino per foreste e medioevo sia intuibile a partire dalla demo, cosi come la loro posizione del tutto anticristiana, in perfetto accordo con il movimento.

Per ciò che concerne gli Enslaved si nota da subito una diversa concezione dell’intera composizione. La demo prende il titolo da Yggdrasill, l’albero cosmico della mitologia norrena, concentrando già a partire dal titolo quello che sarà il motivo portante della loro produzione, il Viking Black Metal. Le influenze percepibili sono molteplici ma le principali sicuramente sono quelle dei Mayhem e di Burzum, soprattutto nei riff eseguiti da Ivar e Grutle. Gli Enslaved iniziano subito in “Heimdallr” con ritmi incredibilmente sostenuti per una band tanto giovane, complice la velocità di Trym alla batteria. La voce di Grutle si sposa perfettamente con una produzione piuttosto povera e per tanto adattissima alla violenza del genere. Per quanto si avverta una certa immaturità nella concezione di questo album che risente ancora anche degli influssi Death Metal dei Phobia, e l’uso dei synth risulti un pò forzato, si hanno perle come “Allfaðr Oðinn”, un brano che contiene tutta l’epicità e la fredda potenza del gruppo. Non solo, in “The Winter Kingdom Opus I: Resound of Gjallarhorn” ci si trova di fronte a un pezzo strumentale che potrebbe anche fare intuire per il nostro gruppo influenze aliene dalla sfera del Metal.

Insomma, questo album è un must per tutti coloro che sono amanti del genere. Rimane probabilmente uno dei due più importanti split album, assieme a “Hordanes Lands”, della storia del Black e racchiude in sé il fascino incontaminato delle prime produzioni.

BRIEF COMMENT: “The Forest is My Throne / Yggdrasill” is a split by Satyricon and Enslaved. The album includes the spirit of the early years of both bands. It is more or less the release of their second demo, dated 1992 and 1993, plus one additional track per group. It is raw, it is black, it is primitive! If you do not have listened to it yet, YOU MUST!

Etichetta: Moonfog Production
Anno di pubblicazione: 1995
TRACKLIST: 01. Satyricon – Black Winds; 02. Satyricon – The Forest Is My Throne; 03. Satyricon – Min Hyllest Til Vinterland; 04. Satyricon – The Night Of The Triumphator; 05. Enslaved – Heimdallr ; 06. Enslaved – Allfaðr Oðinn; 07. Enslaved – Intermezzo; 08. Enslaved – Hal Valr; 09. Enslaved – Niunda Heim; 10. Enslaved – The Winter Kingdom Opus I: Resound of Gjallarhorn; 11. Enslaved – Enslaved
Durata: 64:13

Autore: Alonewalkfaster

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.