FORNACE
“Pregnant Is The Night”

Registrato nel 2011 ma pubblicato solamente sul finire del 2012, “Pregnant Is The Night” rappresenta il tanto agognato primo album sulla lunga distanza da parte dei Fornace, band torinese formatasi nel 2000 su iniziativa del bassista Possessed e del batterista Gnoll, che han saputo tenere duro e aspettare ben più di dieci anni, e tre demo, prima di veder concretizzati i propri sforzi. La lunga attesa sembra tuttavia essere stata ottimamente messa a frutto dal gruppo, che nel frattempo ha affinato al meglio le proprie armi e completato e stabilizzato la line-up, con gli ingressi di Mastiff e Siriol alle chitarre, Maniac alla batteria e Morrigan alla voce.

Tutto questo si è tradotto in una release che non lascia niente al caso, curata in ogni suo aspetto e, cosa ancor più importante, composta da sette pezzi, più una intro, tutti di buona fattura e che mai danno la sensazione di essere stati inseriti per aumentare il minutaggio, aiutati in questo dall’ispirato songwriting della band. I brani infatti, pur presentando un filo conduttore fatto di Black Metal con qualche venatura Thrash, sono tutt’altro che piatti o ripetitivi, dipanandosi tra sfuriate in blast beat, rallentamenti mefitici in odore di Doom e fulminee ripartenze che non lasciano scampo e incollano l’ascoltatore dall’inizio alla fine, nonostante una durata dei brani che si aggira mediamente ben oltre i sei minuti. Si passa così dai mid tempo sempre pronti a sfociare in bordate al fulmicotone di “Through The Eyes Of The Ancient Wolf” e “1906-1986 A Horror Story (The Salamander’s Wool)”, ai pattern thrashaggianti di “The Flauro’s Revenge” e alle ritmiche “ibride” di pezzi come “The Warp Of Blood” e “Nodo Indissolubile”. Difficile, d’altra parte, poter indicare un brano più meritevole di altri, perché siamo di fronte ad un lavoro che fa della varietà delle soluzioni di volta in volta usate il proprio punto di forza, coadiuvato in questo da musicisti in grado di destreggiarsi abilmente nei vari contesti e da un cantato che spazia tra scream e momenti in growl con estrema naturalezza. Se a questo si aggiunge un’eccellente produzione che rende giustizia ai singoli strumenti e contribuisce ad evocare un’atmosfera misteriosa e occulta, ripresa anche nell’artwork, allora si può tranquillamente affermare di essere di fronte ad un album che merita sicuramente attenzione e che premia la perseveranza della band.

BRIEF COMMENT: Born more than ten years ago, Fornace manage to release their first full-length “Pregnant Is The Night” only now. This debut is a good example of Black Metal with some Thrash and Doom nuance and presents excellent and personal songs which make the album worth more than a listen.

Etichetta: Autodafe Productions
Anno di pubblicazione: 2012
TRACKLIST: 01. Fog Between The Coffin (Intro); 02. The Warp Of Blood; 03. Through The Eyes Of The Ancient Wolf; 04. A Whisper From The Dust; 05. Pregnant Is The Night; 06. 1906-1986 A Horror Story (The Salamander’s Wool); 07. The Flauro’s Revenge; 08. Nodo Indissolubile
Durata: 54:16 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.