FRANCESCO MARIA NARCISI & GIACOMO FIDANZA
“The Accordion Sessions”

Manipolare elettronicamente i suoni prodotti da una fisarmonica cromatica ed ottenere da essi un muro sonoro dalle tinte post-industriali, è questo l’ambizioso obiettivo che si sono prefissati i due musicisti coinvolti in questo progetto e che ha portato alla realizzazione di “The Accordion Sessions”. Un lavoro piuttosto arduo non solo da ascoltare, ma anche e soprattutto da recensire per il sottoscritto. In questi casi, quello che posso semplicemente fare è lasciarmi andare alle sensazioni, ed attraverso di esse provare a dare a voi ascoltatori un’idea del lavoro. A livello di fruizione, il disco si ascolta molto bene, i droni creati da Francesco Maria Narcisi, di cui tempo fa recensii il debutto dell’altro suo progetto Neutra, sono delicati e dal sapore quasi agreste. Per esempio, il soundscape distensivo di “B1 (Vertice)”, unito ad una strana percussione meccanica, credo generata tramite la pressione dei tasti della fisarmonica, mi ha portato alla mente l’immagine dell’aratura di un campo agricolo. L’unica cosa che mi ha lasciato un pochino perplesso è proprio la presenza della fisarmonica di Giacomo Fidanza, che in realtà viene totalmente soppressa o resa irriconoscibile dalle manipolazioni di Narcisi. I suoni reali appaiono in effetti in maniera nitida giusto in “C2 (Attesa)” ed in modo piuttosto vago, ma riconoscibile, nella celestiale “C3 (Ritorno)” e nella conclusiva “D2 (Voce Celeste II)”. Non so se questo è un male o meno, ma non nascondo che un pochino questa cosa ha deluso le aspettative che mi ero fatto leggendo la nota di accompagnamento al promo. Forse, ma è solo una mia idea, un contrasto più diretto tra il suono reale di una fisarmonica ed i soundscape di Narcisi avrebbe reso il tutto più personale e particolare. Tuttavia, nulla toglie che questo “The Accordion Sessions” sia un lavoro di Ambient elettronico più che godibile.

BRIEF COMMENT: Although the title may suggest it, “The Accordion Sessions” isn’t an album based on accordion’s unique tune, but a sort of Ambient/Electronic release in which the sound of this instrument is manipulated in most of the tracks, giving birth to peculiar atmospheres.

Contatti: Facebook
Etichetta: Time Released Sounds
Anno di pubblicazione: 2017
TRACKLIST: 01. A1 (In Limine); 02. A2 (Mantex); 03. B1 (Vertice); 04. B2 (Echi); 05. C1 (Spire); 06. C2 (Attesa); 07. C3 (Ritorno); 08. D1 (Voce Celeste I); 09. D2 (Voce Celeste II)
Durata: 44:02 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.