FRENTRUM
“Demo”

Generalmente quando ricevo lavori estremamente brevi da recensire tendo sempre ad operare una sospensione del giudizio sulla band in questione, limitandomi soltanto a descrivere a grandi righe quanto ascoltato nel breve lasso di tempo e aspettare release più sostanziose per farmi una idea sulla reale qualità musicale espressa. Lo stesso potrei dire per questo nuovo/vecchio progetto chiamato Frentrum, concepito inizialmente nel 1996 dal mastermind Ant, già vocalist dei Malanoctem, e poi ripreso successivamente nel 2013, che esordisce con questo “Demo” contenente solamente tre brani di cui una cover di “Transilvanian Hunger” dei Darkthrone. Se la presenza di quest’ultima cover potrebbe far pensare all’ennesima band copia carbone dei maestri norvegesi, in realtà le due tracce inedite “Dalle Profondità Dell’Uomo” e “E Che Tornino A Bruciare…” smentiscono categoricamente questa possibilità. Infatti, sebbene Ant metta in chiaro fin da subito la volontà di non voler risultare affatto originale, e i pezzi siano evidentemente debitori al Burzum degli esordi, a cui aggiungerei anche i Forgotten Woods di “As The Wolves Gather”, la sua concezione di Black Metal risulta fin da subito alquanto “onesta” e sentita, oltre che dotata di piccoli accorgimenti che donano personalità ed interesse ai brani.

“Dalle Profondità Dell’Uomo” è decisamente un piccolo gioiellino, che riporta direttamente agli albori del Black. Le vocal di Marco D. Falco (già dei Malanoctem ed Oltretomba), incredibili e da pelle d’oca, spaziano da urla di Burzumiana memoria a risa sataniche, con la batteria incespicante di William ad acuire ulteriormente questa forte sensazione di disagio generata dal pezzo. La successiva “E Che Tornino A Bruciare…”, suppur meno incisiva della traccia precedente, è una semi strumentale che, messa da parte la batteria, lentamente si riempie di diversi strati di chitarra dal forte impatto ipnotico, con la voce che entra invece solo nel minuto finale con una serie di urla disperate. Chiude la già citata cover “Transilvanian Hunger”, riproposta in maniera rallentata rispetto all’originale. Forse all’interno del demo può risultare superflua come traccia, ma tutto sommato con questo diverso arrangiamento ben si amalgama con i due brani inediti. Insomma, come ho detto all’inizio, quanto proposto dai Frentrum è troppo poco per poter dare qualsiasi giudizio definitivo, ma la sola “Dalle Profondità Dell’Uomo” vale davvero l’acquisto o l’ascolto del demo. Spero che i Frentrum si ripresentino presto con un lavoro più sostanzioso e in grado di poter confermare quanto di buono ascoltato su questa release.

BRIEF COMMENT: As a short demo, this release shows an interesting and promising Italian Black Metal band called Frentrum. I suggest to listen to the opening track “Dalle Profondità Dell’Uomo”, just to have an idea of the attitude owned by the band in their Black Metal.

Contatti: Facebook
Etichetta: VNR Audio
Anno di Pubblicazione: 2014
TRACKLIST: Side A – Lato Testa 01. Dalle Profondità Dell’Uomo; 02. E Che Tornino A Bruciare…; Side B – Lato Croce 03. Transilvanian Hunger (Darkthrone cover)
Durata: 19:10 min.

Autore: KarmaKosmiK

3 pensieri su “FRENTRUM
“Demo”

  1. Concepito nel 1996 e ripreso nel 2013 – a quel che dice la biografia… allora due sono le cose, o di suonare black non e’ più interessato (e quindi non ha senso tornarsene oggi a fare i TRVE), o forse forse la si spara un po’ grossa per fingere di essere ‘del giro’ da tanto.
    Una cosa che non invoglia a seguire il gruppo, al di là di quanto abbiano copiato bene questo genere.

  2. Sono un Sarcastycon Sarcastycon effettivamente.Mi piace la band ma non mi piace.
    Non ho mai acquistato materiale Frentrum ma mi piace riempirmi la bocca di cose che non so.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.