FROZEN WREATH
“Memento Mori”

Dopo l’interessante ristampa dei Witcher di cui ho parlato qualche mese fa, l’ungherese Filosofem Records sottopone alla mia attenzione anche il debutto di questo nuovo progetto chiamato Frozen Wreath, che vede coinvolti il pluristrumentista Zoltán Szele e lo stesso boss dell’etichetta, Roland Neubauer, nelle vesti di vocalist. Dovendo dare una descrizione di questo “Memento Mori”, direi che il suo scopo principale è quello di recuperare il feeling dei Satyricon e Dimmu Borgir degli esordi, attraverso una produzione sporca ma non dozzinale, dove la chitarra ha certamente un ruolo centrale, ma parte della sua atmosfera viene anche costruita con un sapiente uso dei synth. Certo, alcuni dei suoni scelti non sono proprio il massimo, come nel caso dell’opener “Megsárgult Fényképek”, ma se non altro hanno il pregio di suscitare forti richiami al glorioso passato del Black Metal norvegese. Tuttavia, quello che è senza alcun dubbio uno dei suoi pregi principali, è però anche il suo limite maggiore. Ci sono tanti, forse troppi deja-vu, che in qualche modo limitano le potenzialità di questo “Memento Mori”, ma questo discorso andrebbe comunque fatto alla stragrande maggioranza dei gruppi in circolazione, quindi non proprio una nota completamente negativa. Se non altro Szele dimostra di non volersi adagiare su uno stile monocorde, cercando sempre di svariare attraverso diversi stili, passando da momenti leggermente più folkeggianti “A Kőszikla Megmarad”, che richiama molto i miei amatissimi Dråpsnatt, ad altri più tirati che invece mi ricordano alcune cose dei Nargaroth, ma evitando di tenere sempre al massimo la velocità di esecuzione. Diciamo che i presupposti per un progetto potenzialmente interessante ci sono tutti, c’è sicuramente da lavorare per poter ottenere uno stile più personale e che amalgami nel migliore dei modi il gran numero di influenze che si vuole portare dietro. Per il resto, credo che i nostalgici troveranno questo “Memento Mori” come un lavoro sicuramente degno d’interesse.

Contatti: Facebook
Etichetta: Filosofem Records
Anno di Pubblicazione: 2021
TRACKLIST: 01. Megsárgult Fényképek; 02. Halott ígéret; 03. Miért?; 04. Ősz; 05. A Kőszikla Megmarad; 06. Feltámadás; 07. Memento Mori; 08. Fagyott Koszorú
Durata: 44:30 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.