FUNERARY BELL
“The Coven”

In una annata piuttosto deludente in ambito Black Metal come è stato il 2011, questo disco dei Funerary Bell si presenta come una bella boccata d’aria deliziosamente putrida. Indovinate un po’ da dove proviene codesto gruppo? Finlandia, of course! Eh già, la patria di Babbo Natale ci partorisce una ennessima realtà musicale estremamente interessante, dimostrando ancora una volta la florida realtà musicale di questo paese. Provenienti dalla cittadina di Järvenpää, i Funerary Bell sono un trio composto da Invoke Of The Shadows (drums, guitars and vocals), Caller Of Sepulchral Doom (guitar) e Templar Of The Seven Suns (guitars and bass), sostituito in tempi recenti da Not Of This World, e formatosi solamente nel 2007. La prima testimonianza è dello stesso anno con un breve demo dall’improbabile titolo “Heksakosioi Heksekonta Heks.”, seguito poi da un importante split con i ben più conosciuti Blood Red Fog per la Obscure Abhorrence e l’EP “The Second Manifestation”, che segna l’entrata di questa band presso l’Undercover Records. Con due anni di ritardo, arriva poi il tanto sospirato debutto sulla lunga distanza con il titolo “The Coven”.

A differenza della tipica (e buona) band finlandese, i Funerary Bell irrobustiscono il proprio sound con un bel Death-Doom anni ’90, sulle cui oscure basi di inseriscono sovente rapide accellerazioni tipicamente Black. La stessa produzione sembra essere stata studiata a posta per ricreare un tipico sound in voga in quel periodo, dove le chitarre risultano essere molto asciutte e secche, lasciando così molto spazio al basso, i cui fraseggi emergono in maniera chiara e netta. Un bel esempio del sound dei Funerary Bell è “Detachment”, nel quale potremmo riscontrare un bel connubio tra il Doom-Death britannico (Anathema & My Dying Bride) e brevi accelerate di Raw Black. La successiva “Cainian Confession II” ribalta nettamente le proporzioni della miscela, nella quale la band sfoggia un Raw Black di stampo Maniac Butcher, ma al quale vengono agganciati dei break sulfurei, ben sorretti anche da un piccolo tappeto di organo. Ottima, davvero ottima è invece “Circle Within Circle”, un falso mid-tempos abile nel modificare pelle continuamente. Altro pezzo da tenere sott’occhio è la conclusiva “The Coven”, lunga suite divisa in due parti, nel quale la band riveste il proprio doom\death di base, con una funerea veste depressive fatta di arpeggi dilatati e malinconici, ma senza rinunciare a piazzare i propri sbalzi di atmosfera, nei quali compare prepotente il fantasma dei primi Tiamat.

Insomma, un debutto assolutamente convincente questo “The Coven”, un lavoro che sicuramente metterà d’accordo tutti gli amanti del vecchio Doom d’annata, ma senza scontentare gli appassionati del Black Metal più sporco e raw. La band mostra di avere una penna compositiva piuttosto affinata, con un paio di brani decisamente intriganti. Forse, ed è un piccolissimo appunto da fare al disco, è la mancanza di un brano che faccia realmente cadere dalla sedia. Un high-light clamoroso, direi. Certo, se ci fosse stato avremmo già gridato al miracolo, ma anche senza, e nonostante un paio di brani un po’ debolucci (i centrali “The Ones Without Name” e “Conjuration Of Thy Majesty”) il disco si posiziona senza problema su livelli qualitativi decisamente elevati (senza dimenticarsi che questo un full-lenght di debutto). Insomma, complimenti ai Funerary Bell per questa release e speriamo che nel prossimo disco si possa finalmente gridare al miracolo.

BRIEF COMMENT: “The Coven” is a very convinced debut album, in which the young Finnish band is able to mix Raw Black killing riffs and obscure and suffocating doomish atmospheres. Although some tracks that result a bit weak, this general level of the record is very high making these Funerary Bell a promising reality on which betting for the future. Total support!

Contatti: Facebook
Etichetta: Undercover Records
Anno di pubblicazione: 2011

TRACKLIST: 01. Vision Of The Undead (World); 02. Detachment; 03. Cainian Confessions II; 04. Circle Within Circle; 05. The Ones Without Name; 06. Conjuration Of Thy Majesty; 07. The Coven pt. I; 08. The Coven pt. II Durata: 39:55 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.