GLOBAL SCUM
“Odium”

Sebbene un nome come Global Scum possa far subito pensare ad un gruppo dedito al Grind-Death stile ultimi Napalm Death, la realtà è pur troppo ben distante da quanto realmente propone il polistrumentista austriaco Manuel Harlander. Infatti, bastano i primi secondi di “Feared” per comprendere la linea di tiro di questo “Odium”, nel quale oltre ad assistere ad una intro che è praticamente un plagio diretto dei Fear Factory, si capisce immediatamente che il punto di riferimento del disco sia senza alcun dubbio “Chaos A.D.” dei Sepultura, con Harlander impegnato anche a cercare di imitare la voce (dell’epoca) del buon vecchio Max. Proseguendo negli ascolti, non ci vuole poi molto per riconoscere qua e là altri richiami ben evidenti verso Machine Head, Slipknot e persino Korn, vedasi una “Back Beats” estratta direttamente da “Follow The Leader”. Per carità, se fossimo davanti semplicemente ad un buon clone di “Chaos A.D.”, non avrei poi niente di cui lamentarmi, visto che verso tale disco ho legato vari ricordi personali, oltre che al fatto che risulta essere il primo cd da me comprato che andasse oltre la classica triade Metallica, Iron Maiden e Guns N’ Roses con il quale stavo infoiato in terza media, grazie ad un passaggio del video di “Territory” trasmesso in televisione millenni fa in un programma della defunta TMC.  Il problema di questo “Odium” è che purtroppo non riesce ad andare oltre ad una “pedissequa citazione” dei gruppi sopracitati, senza mai riuscire a dare una forma personale a quello che l’etichetta del progetto definisce come Groove Metal. La stessa produzione risulta essere poco incisiva, per non dire quasi completamente piatta, dominata com’è solamente dalle chitarre ribassate di Harlander. Chi mi legge da tempo sa bene che non sono un tipo dalla stroncatura facile verso band poco conosciute, e che cerco sempre trovare in ogni disco che mi capita di recensire, se non delle singole tracce interessanti, ma almeno qualche spunto positivo. Nel caso di questo “Odium”, ho provato anche ad adottare la stessa tecnica del “disco a maggese”, adottata recentemente per il nuovo lavoro Veuve, ossia quella di lasciare il lavoro a decantare per un mesetto, e poi riprenderlo nella speranza di trovare cose interessanti. Ma, ahimè, ammetto che nulla è cambiato, anzi più lo ascoltavo e più mi venivano in testa nuovi collegamenti con questa o con quella band. Insomma, dispiace essere duro con questo lavoro, ma francamente non riesco a trovare nulla che possa portarlo ad un livello per lo meno sufficiente. Bocciato.

BRIEF COMMENT: These release called “Odium”, and released from the austrian one-man project Global Scum, is labeled as Groove Metal, but it can easily described as a work that take as main reference “Chaos A.D.” from Sepultura and that embeds also influences from Machine Head, Slipknot and also Korn. Unfortunately, the traces present here do not go further than a simple copy and paste of the above quoted names.

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: NRT Records
Anno di Pubblicazione: 2019
TRACKLIST: 01. Lunatic; 02. Feared; 03. Fake As Fuck; 04. Full Of Hell; 05. Disgusting Lus Of Madness; 06. Assassins; 07. Back Beats; 08. Call For Resistance; 09. Martyrium; 10. Human Waste; 11. Violent Creation; 12. Savage Killer; 13. Mental Anxiety
Durata: 46:08 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.