GRAFVITNIR
“Keys To The Mysteries Beyond”

Ormai è un classico. Aspetto fino all’ultimo istante per stilare la classifica di fine anno e, non appena viene pubblicata, ecco saltare fuori un lavoro che meriterebbe di farne parte. Ma che cosa ha poi di tanto speciale questo “Keys To The Mysteries Beyond” dei Grafvitnir, una band svedese attiva dal 2007 alla quinta fatica sulla lunga distanza in meno di cinque anni e di cui, in tutta franchezza, non avevo mai sentito parlare prima d’ora? Da un punto di vista prettamente musicale, nulla di così rivoluzionario, visto che quello che propongono è un Black Metal canonico che si rifà alla lezione dei Marduk di “Opus Notturne” e “Nightwing” e la coniuga con l’innato senso per la melodia, se così possiamo definirlo, di gruppi come Dark Funeral, Sargeist o Behexen. Ma è il modo in cui tali influenze vengono concretizzate che dà una marcia in più a questo lavoro e che lo fa emergere dalla sterminata schiera di emuli che infesta la scena. Nei poco più di quaranta minuti a loro disposizione, i nostri infatti mettono sul piatto otto pezzi, più due brevi intermezzi atmosferici, peraltro tranquillamente evitabili visto che arrivano a spezzare il travolgente ritmo messo in piedi, che si stampano dritti nella mente non smettendo di irretire anche dopo numerosi ascolti, forti di un riffing tanto semplice e lineare quanto maledettamente catchy e che non scade mai nel banale o negli stereotipi più abusati del genere, su tutti penso a brani come l’opener “Nidhögg”, la title track o la travolgente “Unleash The Storm Of Nothingness”. Insomma, se siete in cerca di un album di Black Metal tradizionale che non vi venga a noia dopo qualche ascolto, questo “Keys To The Mysteries Beyond” potrebbe proprio fare al caso vostro. Per quanto mi riguarda, dato che tutti gli album di questi Grafvitnir sono usciti sempre in dicembre, a fine anno non ci sono dubbi che andrò a sentirmeli per tempo.

BRIEF COMMENT: Grafvitnir‘s fifth full length “Keys To The Mysteries Beyond” is an impressive Black Metal assault in which the Swedish band has combined a blasting Marduk-like rhythm section with mesmerizing riffs. Surely one of the best albums of the genre released last year.

Contatti: Facebook
Etichetta: Carnal Records
Anno di pubblicazione: 2017
TRACKLIST: 01. Nidhögg; 02. Keys To The Mysteries Beyond; 03. Vargavinter; 04. Crossing The Abyss; 05. Eternity’s Glistening Black; 06. Journey Into Storms; 07. Unleash The Storm Of Nothingness; 08. Eye Of Lucifer; 09. Whispers Of The Primordial Sea; 10. Glimpses Of The Unseeable
Durata: 41:54 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.