GRIMA
“Devotion To Lord”

Portati sotto i riflettori dalla sempre attenta Naturmacht, i russi, o per esser più precisi, siberiani, Grima debuttano subito sulla lunga distanza senza mostrare nessuno di quei limiti che potrebbero essere dettati dalla mancanza d’esperienza. Stando a quel poco che ho trovato in rete, Morbius e Vilhelm, le menti dietro a questo gruppo, sono infatti all’esordio assoluto, ma ciò non si potrebbe affatto evincere ascoltando questo loro “Devotion To Lord”. Nei trenta minuti abbondanti a loro disposizione, i nostri mettono infatti in mostra un Black Metal che guarda sia alla scena est europea, penso al muro sonoro di certi Drudkh ed Hate Forest, sia alla corrente Cascadian, amalgamando poi il tutto con una produzione abbastanza sporca e con spunti Atmospheric alla Lustre e qualche incrocio di chitarre che può vagamente ricordare il progetto Paysage d’Hiver. Sia chiaro, non siamo di fronte a qualcosa di innovativo, ma, visti i punti di riferimento, il rischio di un album senza anima o, peggio ancora, di un pastone derivativo senza capo ne coda, c’erano eccome. Invece i Grima vincono la loro sfida e dimostrano una buona abilità nel maneggiare queste loro influenze così disparate, accompagnandoci tra pezzi tirati, su cui spiccano “The Beginning” e “Open the Gates Will Return The Only Cold”, e momenti più lenti ed assai evocativi, come le crepuscolari e magnifiche “In Dreams” e “The Woods”, che riescono sempre a tener vivo l’interesse dell’ascoltatore senza risultare mai monotoni e prevedibili, anzi invogliando a ripetuti ascolti. Insomma, non saremo di fronte a niente di particolarmente nuovo, ma se una band all’esordio si presenta con una prestazione così convincente, beh, forse vale la pena dargli un’opportunità e non perderli troppo di vista.

BRIEF COMMENT: With their full length “Devotion To Lord”, russian Grima deliver an impressive performance, especially keeping in mind it’s their first release ever. Althought their Black Metal is based on a mix of elements coming from est european bands as well as from Cascadian and Atmospheric scenes, Morbius and Vilhelm show a pretty personal and intriguing songwriting, creating an album that will surely please every fan of the genre.

Contatti: Facebook
Etichetta: Naturmacht Productions
Anno di pubblicazione: 2015
TRACKLIST: 01. Ancient Will Become; 02. The Beginning; 03. Open the Gates Will Return The Only Cold; 04. In Dreams; 05. Devotion To Lord; 06. The Woods; 07. Blood On The Snow
Durata: 32:18 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.