HORNA
“Askel Lähempänä Saatanaa”

Non tenendo per una volta fede alla loro ferrea costanza compositiva, gli Horna hanno aspettato addirittura quasi due anni prima di ritornare a farsi sentire con del nuovo materiale. Una pausa così insolitamente lunga, forse in parte attribuibile alla uscita di “Nightside Emanations” in casa Behexen, e soprattutto gli incoraggianti segnali di ripresa mostrati nell’ultimo EP “Adventus Satanae”, facevano davvero ben sperare per questo ottavo album dei finlandesi, quantomai inclini in passato a disperdere il proprio estro creativo in una miriade di uscite minori.

Con questo “Askel Lähempänä Saatanaa” gli Horna sembrano invece aver finalmente ritrovato parte della brillantezza e dell’ispirazione degli esordi, dando vita ad un lavoro che cresce di ascolto in ascolto senza mostrare mai troppi cali di tensione o carenze di idee. I dieci brani proposti in quasi cinquanta minuti di un Black gelido e minimale ci restituiscono infatti un gruppo ancora in grado di proporre un songwriting a tratti davvero di alto livello e abbastanza a proprio agio sia nei frangenti più tirati e ferali (“Kunnia Herralle, Kuninkaalle” e “Kuolema Kuoleman Jälkeen”) sia in quelli più classicamente Horna-style (la title-track e “Ota Omaksesi, Luoksesi”), con un Shatraug in grande spolvero e abile nel cesellare riff taglienti e morbosamente catchy che rendono imperdibili e impossibili da dimenticare dei pezzi come “Ei Aikaa Kyyneleille” e “Kärsimyksin Vuoltu Hänen Valittuna Äänenään”. Ad accompagnare il tutto ci pensano poi una sezione ritmica precisa e tellurica ed una valida prestazione alla voce di Spellgoth, magari non ai livelli di Corvus, ma ormai perfettamente integrato negli schemi della band. “Askel Lähempänä Saatanaa”, pur non spostando di una virgola le scelte stilistiche degli Horna, riesce così a spazzar via in un sol colpo molte delle perplessità emerse con gli ultimi opachi lavori, restituendoci un gruppo in piena forma e che sembra aver ancora molto da dire. Un ritorno che, pur raggiungendo solo a sprazzi i livelli di “Sanojesi Äärelle”, si candida ad essere una delle migliori uscite Black dell’anno.

BRIEF COMMENT: “Askel Lähempänä Saatanaa”, eighth full-length by Horna, blanks out almost all the doubts emerged with their not so memorable last releases, bringing the finnish band back quite close to the level reached on “Sanojesi Äärelle”. So, maybe not their best album, but surely a good one that shouldn’t be missed by Black Metal fans.

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: World Terror Committee
Anno di pubblicazione: 2013
TRACKLIST: 01. Alku; 02. Askel Lähempänä Saatanaa; 03. Kunnia Herralle, Kuninkaalle; 04. Kuolema Kuoleman Jälkeen; 05. Yhdeksäs Portti; 06. Ei Aikaa Kyyneleille; 07. Kärsimyksin Vuoltu Hänen Valittuna Äänenään; 08. Aamutähden Pyhimys; 09. Pala Tai Palvele; 10. Ota Omaksesi, Luoksesi
Durata: 48:04 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.