HORNWOOD FELL
“Yheri”

Anche se, colpevolmente, mi ero perso il loro omonimo debutto uscito l’anno scorso, questa volta sarebbe stato davvero imperdonabile non spendere qualche parola per questo nuovo lavoro degli Hornwood Fell, un trio laziale di recente formazione i cui membri hanno già alle spalle diverse esperienze in varie altre band, Kailash in primis. Se però nel loro ottimo esordio i nostri si cimentavano in un Black Metal totalmente devoto alla scuola norvegese, pur se rielaborato con un piglio personale, è con questo “Yheri” che l’esperienza maturata con i precedenti progetti inizia a farsi prepotentemente sentire, permettendo loro di ampliare il proprio spettro sonoro fino ad inglobare movenze in odore di Avantgarde, ma non solo. Limitando il feroce e furioso assalto all’arma bianca che caratterizzava il debutto, in questo loro secondo album gli Hornwood Fell filtrano il proprio suono attraverso le passate esperienze e fanno emergere tutto il loro talento, dimostrando come non sia per forza necessario percorrere nuove strade per stupire quando si ha dalla propria parte una facilità di scrittura così disarmante, prova ne siano le spettacolari “The Encounter”, “At His Awakening”, “The Other Genereted” e “Them”, che rappresentano alla perfezione questa nuova dimensione, con “The Snowstorm” a fare invece da ideale anello di congiunzione tra il vecchio ed il nuovo. Sinceramente potrei starmene qui ore ed ore ad elencare le varie influenze che sembrano affiorare di brano in brano ma, ancor più che per il debutto, bisogna ammettere che ci si ritrova inevitabilmente a pensare che, nonostante tutto, quello che rimane alla fine non è certo la sensazione di avere ascoltato poco più di una cover band, ma anzi un gruppo talmente padrone della materia da potersi permettere tutti i “rimandi” che vuole senza per questo correre il rischio di sembrare una brutta copia degli originali. Non vado comunque oltre perché tanto non riuscirei a rendere minimamente giustizia agli oltre quaranta minuti di musica proposta, perciò mi limito solo a dirvi in modo chiaro e tondo che, se amate il Black Metal, specie quello di matrice scandinava, non vedo proprio come “Yheri” possa deludervi. Due album, due gemme senza la benché minima traccia di sbavature, questo sono gli Hornwood Fell. E se non vi basta neanche questo, beh, cercate pure altrove, ma buona fortuna.

BRIEF COMMENT: Restrained the fierce assault of their self titled debut, Hornwood Fell have now turned their music into an even more intriguing Black Metal enhanced by some Avantgarde (but not only) influences. The final result is the astonishing “Yheri”, an album in which the italian band has master almost to perfection this new dimension, delivering by far one of the best releases of this year. A must have, no doubt.

Contatti: Facebook
Etichetta: Avantgarde Music
Anno di pubblicazione: 2015
TRACKLIST: 01. Walking In The Woods; 02. The Encounter; 03. At His Awakening; 04. The Snowstorm; 05. The Rebellion; 06. The Other Generated; 07. These Trees Are Watchihng; 08. Them
Durata: 41:03 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.