INFLABITAN
“Wanderer Of Grief”

Emerge dal limbo profondo della Norvegia dei primi anni ’90, questo oscuro progetto che risponde al nome di Inflabitan, in realtà una one man band gestita dallo sconosciuto Sigmund Hansen, ex turninsta live dei DHG del periodo di “International 666”. Non è quindi un caso che a riportarli alla luce ed alla memoria, sia proprio lo stesso Vicotnik, che con questo “Wanderer Of Grief“, prodotto dalla Kyrck Productions, riesce a mettere insieme una release contenente l’opera omnia del progetto, che in realtà è costituita da due soli demo risalenti al 1993 e 1994, più due brani facenti parte di uno split mai realizzato con i Lamented Souls, contenente anche una guest di Aggressor come batterista.

Corredato da una splendida copertina dai toni molto fiabeschi, “Wanderer Of Grief” mostra una band che avrebbe potuto dire tranquillamente la sua nell’allora nascente panorama Black Metal norvegese, mostrando un sound che chiama direttamente in causa i Satyricon di “The Shadowthrone”, che tra l’altro uscì proprio in quel periodo. I due brani iniziali, “Endovern” ed “Illusjonen”, presenti nel già citato split non realizzato con i Lamented Souls rappresentano la parte più completa e definita del progetto Inflabitan. Chitarre corpose, basso melodico ed un frequente ricorso a synth di contorno riescono a comporre un mosaico sonoro sognante e maestoso allo stesso tempo. Anche i brani presi dai due demo, nonostante la grezzità del suono ed una drum machine piuttosto basilare, mostrano del talento e personalità non comuni, a cui sarebbe bastato davvero poco per esprimersi ad altissimi livelli. Sebbene l’influenza Satyricon risulti predominante, ogni tanto vengono sparati dei riffs veramente degni di nota, come nel caso del bellissimo interludio acustico di “Profetens Måne” che sfocia in uno stacco Thrash veramente azzeccato, oppure l’arpeggio da manuale di “Sweeping Sorrow” che non avrebbe sfigurato su un disco di Burzum.

Insomma, una piacevole (ri)scoperta questa degli Inflabitan, non sarà un progetto essenziale per lo sviluppo del Black Metal, ma facevano buona musica con uno stile sempre più difficile da trovare e per quanto mi riguarda basta ed avanza per ottenere un posto nella mia personale collezione privata. Chicca per appassionati.

BRIEF COMMENT: “Wanderer of Grief” is anthology of this misterious and obscure project from a DHG‘s live sessionman called Sigmund Hansen and it is made of two demo and two unreleased tracks featuring Aggression on the drums. It’s very strange that this project was not been able to obtain a real contract ande make a real full-lenht, because this release shows a talented musician able to create an own style, although having a deep influence from the Norwegian master Satyricon, above all their masterpiece “The Shadowsthrone”. The production is not professional and the drum machine sound is quite disturbing, but the tracks are able to create a dreaming and magnificent sonorous mosaic made of dense guitars and refining synths. In short, an interesting discovery from the Kyrck Productions and Vicotnik from DHG, who edited this anthology, worth to be bought.

Etichetta: Kyrck Productions
Anno di pubblicazione: 2010
TRACKLIST: 01. Endovern; 02. Illusjonen; 03. Profetens Måne; 04. Sweeping Sorrow \ Wanderer of Grief; 05. Inflabitan; 06. Sønderknust; 07. Icolmkill ; 08. Jeg Hater Alt og Alle; 09. Spritual Winds of Aurora; 10. I Treets Skygge
Durata: 55:10 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.