INTERVISTA SYNOP – Ton Janssen

Dopo aver ospitato i lavori del suo progetto SynoP, è con piacere che approfondiamo la conoscenza del poliedrico compositore Ton Janssen.

Ciao Ton. Da quando ho ascoltato del progetto Synop volevo chiederti cosa ti ha fatto decidere a un certo punto della tua vita di mettere in note l’ambiente che ti circonda. Hai avuto una particolare occasione che ti ha fatto iniziare questo progetto e qual era il tuo obiettivo?

Ton Janssen: Non c’è stato un momento speciale o occasione che ha avviato il progetto SynoP. In realtà ho iniziato a creare musica sotto il nome di Red Pony. E’ stato in uno di quei pomeriggi piovosi di domenica che improvvisamente ho deciso di fare di più con tutto il software di musica installato sul mio portatile. E mi ha preso in modo tale che ho creato un album completo in un solo pomeriggio. Guardando indietro ciò che ho creato in quel pomeriggio non è certo stato il mio lavoro migliore, molti modelli di beat di default con aggiunta di alcuni campioni, ma era comunque un inizio. Un divertente pony rosso di plastica che vagava attraverso la nostra casa è stata l’ispirazione per il nome. Proseguendo da Red Pony ho iniziato a creare un tipo di musica più d’ambiente, un panorama-musicale. Qui la sauna entra in gioco. Ho il lusso di possedere una sauna privata in cui posso davvero rilassarmi e fuggire dalla frenetica vita moderna. In una normale sauna pubblica mettono sempre quella schifezza tipo New Age, ma a casa per fortuna posso decidere io. La internet radio ha molti canali dedicati che vale davvero la pena ascoltare e uno dei migliori per quanto riguarda il genere Ambient e il Neo-classico è “Omdaru Radio”. Così, ascoltandola a 80° C mi è venuta l’idea: “Posso farlo anche io”. E detto fatto. Dal momento che il nome Red Pony non è adatto a questo tipo di musica ho scelto SynoP.

Perché hai scelto il nome “Synop” per il progetto? Qual è il suo significato?

Ton Janssen: C’è una risposta breve e una lunga per questo. La spiegazione breve è solo il suo significato: SYNOP (osservazioni sinottiche di superficie) è un codice numerico (chiamato FM-12 da WMO ) utilizzato per la segnalazione di osservazioni climatiche fatte da stazioni meteorologiche equipaggiate e automatizzate. Questa cosa del codice tecnico rappresenta la mia musica abbastanza bene a mio parere. La versione più lunga: dopo Red Pony cercavo un nome più serio e cupo che meglio si adattasse alla musica. Giocando con le lettere di Pony (Pony’s) mi è venuta l’idea non molto originale di rigirarlo: SynoP. In questi tempi di internet si deve cercare su Google un nome per essere sicuri che non sia già utilizzato da un’altra band o artista. In questo caso non lo era e poi ho anche scoperto il vero significato di Synop che si adatta perfettamente. Soprattutto suonava anche come “signup”, il che conferisce al nome un doppio significato.

In “77 Bombers”, hai creato una musica per la mostra di pittura di tuo fratello. Ho pensato che fosse una sinergia molto interessante, ed ero un po’ curiosa. La mostra è stata promossa in occasione di un evento particolare?

Ton Janssen: I crediti per tutti i dipinti ovviamente vanno a mio fratello. C’è una storia interessante, ma anche tragica dietro di essi. Mio fratello viaggia molto per via del suo lavoro e ogni volta che si è recato in Inghilterra ha comprato una rivista di storia aerea per un collega. Poi, dopo uno dei suoi viaggi, questo collega è tragicamente scomparso. Mio fratello non è mai stato in grado di dargli l’ultima rivista comprata. Questo avvenimento successo così all’improvviso ha avuto un profondo impatto su mio fratello. L’ultima rivista aveva una foto di un bombardiere precipitato; da allora ha iniziato a dipingere bombardieri. L’anno scorso mi ha chiesto di fare un video con le immagini di questi dipinti, lasciandomi libero di usare la musica che volevo. Questo è diventato il brano di apertura dell’album. Il tema di “77 Bombers” e il relativo Secondo Raid su Schweinfurt sono stati l’ispirazione sufficiente per creare un concept album completo. Una mostra è prevista per la fine di quest’ anno, e sette dipinti saranno presentati in una casa per militari in pensione.

Essendo il tuo lavoro influenzato dall’ambiente circostante, che tipo di ambiente preferisci come fonte di ispirazione? Inoltre, che tipo di musica ha influenzato il tuo progetto?

Ton Janssen: Come accennato in precedenza la internet radio Ambient/Neo-classica “Omdaru Radio” è stata di grande influenza. Artisti Minimal e sperimentali come Philip Glass, Arvo Part, A Winged Victory For The Sullen, Boards Of Canada, Mogwai, Raime mi hanno tutti influenzato. In generale la musica Minimal (Piano), il Post-Rock e la musica Dark Ambient, sono i generi dove trovo la maggior parte della mia ispirazione.

Guardando alla velocità della vostra produzione, immagino che produrrai qualcosa di nuovo in un tempo piuttosto breve! Hai qualcosa in programma per il futuro?

Ton Janssen: La velocità di produzione è stata davvero molto elevata negli ultimi 2 anni, così ho deciso di prendermi un momento di pausa. Comunque sicuramente quest’anno ci sarà nuovo materiale, anche se persino per me non è sicuro in quale direzione andrà. Forse sarà ancora più Dark Ambient o magari più orientato sul beat, vedremo.

Autore: alonewalkfaster

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.