KROWOS
“Verbum Luciferi”

Avevo già parlato dei Krowos diverso tempo fa in occasione della pubblicazione di “Under The Veil Of Death”, uno split a tre che li vedeva assieme ai conterranei Mors Spei e Mystica Nox. Nato come side-project personale del batterista Frozen (Malauriu, Arcanum Inferi, Lilyum, e non solo), i Krowos si sono poi applicati fino a diventare una vera e propria band, anche se il tutto continua a rimanere saldamente nelle mani del suo creatore, che oltre a sedersi dietro la batteria si occupa anche delle chitarre. “Verbum Luciferi” è il secondo full-lenght della band e giunge a quattro anni dal debutto “Enthroning Our End” e da una nutrita serie di split album. Ad accompagnare Frozen, troviamo Imbris al basso, Tsade (anche nei Guru Of Darkness) alle harsh vocal e Baram (Arcanum Inferi) alle clean vocal e cori. Parlando prettamente di “Verbum Luciferi”, Frozen prosegue coerentemente con quanto che ho ascoltato sullo split sopra citato, ovverosia una interessante commistione tra Black Metal di scuola rigorosamente norvegese ed una oscura vena melodica che strizza l’occhio a certe soluzione del Depressive. La produzione risulta essere piuttosto equilibrata nel riuscire a creare un’atmosfera opaca e misteriosa, senza tuttavia sacrificare troppo la resa sonora dei singoli strumenti. Forse la distorsione delle chitarra è un pochino troppo asciutta, ma sono gusti personali. Quello che importa è che questo “Verbum Luciferi” è un lavoro che mi ha particolarmente affascinato. Pur non inventando nulla di realmente nuovo, le soluzione adottate sono ben realizzate e la scelta di alternare lo scream acido di Tsade con il canto pulito di Baram funziona decisamente bene. Tra i vari brani degni di menzione ci sono sicuramente la tirata “Infamia In Excelsis” e le due tracce finali “Credo” e “Offertorio”, che sembrano trascinarti in qualche cripta sotterranea per assistere ad un qualche rituale occulto. Insomma, in tempi piuttosto di magra in ambito Black, un disco come “Verbum Luciferi”, che recupera in maniera ortodossa e senza troppi fronzoli la tradizione norvegese, senza rinunciare ad una propria personalità, è per il sottoscritto un gran bel risultato.

BRIEF COMMENT: Four years after their debut full length, Italian project Krowos has come back with a really good album of Black Metal inspired by the sound of Norwegian bands but also with some Depressive influences. Nothing really new, but “Verbum Luciferi” is surely worth a listen if you like the genre.

Contatti: Facebook
Etichetta: Nigredo Records
Anno di pubblicazione: 2017
TRACKLIST: 01. Verbum Luciferi; 02. Infamia In Excelsis; 03. Vangelo ; 04. Malignus; 05. Credo; 06. Offertorio
Durata: 44:57 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.