KYTERION
“Inferno II”

Letteratura e Metal non formano certo un binomio così insolito, basti anche solo pensare alle legioni di band ispirate dagli scritti di Tolkien e Lovecraft. Anche per la poesia, per quanto in misura minore, non mancano degli esempi, vedi i vari Baudelaire, Coleridge, Blake, Milton o il nostro Dante, che più di qualche spunto lo ha offerto con la Divina Commedia. Questo connubio però non è tuttavia sempre stato sinonimo di qualità, anzi talvolta ha dato vita a concept pacchiani se non al limite del ridicolo. Quando mi sono capitati tra le mani i Kyterion ed il loro “Inferno II”, secondo capitolo di una ambiziosa trilogia incentrata per l’appunto sulla prima cantica dell’opera dantesca, non nascondo che la curiosità si mescolava a qualche dubbio, anche perché il già arduo compito in cui questi bolognesi si erano cimentati prevedeva un ulteriore grado di difficoltà dato dall’utilizzo diretto dei versi del poeta fiorentino. Dopo aver recuperato dalla loro pagina Bancamp il primo episodio, l’impressione era che, tutto sommato, i nostri avessero saputo cavarsela abbastanza bene, anche se alla fine il loro Black Metal viveva più della suggestione dei testi evocati che non per dei particolari spunti creativi. Ascoltando questo “Inferno II” si ha invece la sensazione che i Kyterion abbiano fatto un deciso passo avanti a livello di songwriting, con i brani che ora si fanno meno lineari e ripetitivi, coniugando la spiccata velocità di fondo del debutto con una maggiore ricerca della melodia, ricollegandosi di fatto a delle sonorità di chiara matrice svedese, vedi Dark Funeral, Necrophobic e Dissection (“Vallon Tondo”), pur non mancando momenti più diretti alla Marduk (“Terribile Stipa”). Detto che la palma del brano migliore se la contendono il trittico iniziale, con una leggera prevalenza per “Onde La Rena S’Accendea”, non mi rimane che ribadire la bontà del lavoro fatto dai felsinei, augurandomi di poterli tornare a sentire presto dalle bolge infernali.

BRIEF COMMENT: Second chapter of a trilogy based on Dante’s masterpiece, “Inferno II” is a very good concept album in which Kyterion has further developed their furious Black Metal by adding some melodic influences in the vein of Dark Funeral and Necrophobic. Hell awaits.

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: Subsound Records
Anno di pubblicazione: 2018
TRACKLIST: 01. Mal Nati ; 02. Onde La Rena S’Accendea; 03. Dite; 04. Pena Molesta; 05. Cerbero Il Gran Vermo; 06. Cocito; 07. Dolenti Ne La Ghiaccia; 08. Rabbiosi Falsador; 09. Vallon Tondo; 10. Li ‘Ndivini; 11. Terribile Stipa
Durata: 37:54 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.