LOU QUINSE
“Lo Sabbat”

Trascorsa ormai più della metà di questo 2018, la nostra cara e vecchia Italia continua a vivere un momento di grazia a livello musicale. Infatti, dopo i viaggi ancestrali dei Towards Atlantis Lights e le atmosfere oniriche dei Messa, possiamo ora aggiungere alla lista di band che potranno dire la loro a fine anno anche i piemontesi Lou Quinse. Questo secondo lavoro intitolato “Lo Sabbat” è semplicemente un puro concentrato di energia. È voglia di scatenarsi nella danza fino a quando le gambe non sono più in grado di reggerti, oppure bere e fare casino fino a collassare senza pietà sul ciglio della piazza principale del proprio paese. Credo di aver ribadito più volte di non essere un grande amante del Folk Metal, eppure questo disco mi ha subito conquistato fin dal suo primo ascolto. I Lou Quinse trasmettono vitalità a profusione, sfruttando da una parte strumentazione ed arrangiamenti tipici del Folk, tendendo dall’altra ad inglobare senza fare troppe distinzioni Death, Black e Speed a seconda del caso, con il vocalist Andrea Quaranta abile a modulare la propria ugola a seconda del momento. Se proprio dovessi dare un gruppo di riferimento, direi i Finntroll, ma più che altro per l’energia che emerge da alcuni dei loro pezzi, e nella capacità di sottomettere il Folk alle loro necessità, più che per una reale somiglianza a livello musicale. Fatto sta che “Lo Sabbat” spacca e lo fa senza cedimenti da inizio a fine disco. “La Dançarem Pus”, “Dessùs La Grava De Bordeu” o la cavalcata di “La Marmota” sono alcune delle chicche musicale che la band piemontese ci propone in questo loro secondo lavoro. Evito di dilungarmi in altre parole, d’altronde quando un lavoro mi prende parecchio tendo stranamente ad essere conciso. In definitiva, spero che tanto basti per avervi stimolato ad andare ad ascoltare qualche brano dei Lou Quinse, e dare così modo alla band di mostrarvi tutto il proprio talento.

BRIEF COMMENT: Lou Quinse‘s sophomore album “Lo Sabbat” is a very good release in which the Italian band has successfully merged Black, Death and Speed elements with a typical Folk Metal approach, giving birth to twelve cathy songs.

Contatti: Facebook
Etichetta: Sliptrick Records
Anno di pubblicazione: 2018
TRACKLIST: 01. Sus La Lana; 02. Chanter Boire Et Rire Rire; 03. Diu Fa’ Ma Maire Plora; 04. La Dançarem Pus; 05. Lo Cuer Dal Diaul; 06. Dessùs La Grava De Bordeu; 07. Giga Vitona; 08. Purvari E Palli; 09. Lo boier; 10. La Martina; 11. La Marmota; 12. Sem Montanhòls
Durata: 46:07 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.