MASS CRYSIS
“Die Totale – Early Thrashin’ Days EP”

Dediti ad un ortodosso e chiassoso Thrash Metal, che vede in Megadeth e Metallica i propri numi tutelari, i perugini Mass Crysis arrivano a due anni dalla loro formazione all’esordio discografico con questo breve EP autoprodotto contenente quattro tracce e dal titolo quanto mai eloquente ed emblematico di “Die Totale – Early Thrashin’ Days EP”.

Che il tempo per il giovane quartetto si sia fermato al trienno d’oro del Thrash 1983-1986, risulta subito evidente dall’opener “Sentenced To The Damned”, un assalto Thrash in piena regola che pesca a piene mani dai primi Slayer, Metallica e Megadeth. La produzione del disco è piuttosto buona, discretamente bilanciata, sebbene la parte del leone la faccia la chitarra di Andrea Giordani, e ruvidina quanto basta per ottenere un bel sound retrò. Pur essendo una traccia decisamente derivativa, “Sentenced To The Damned” mostra una band totalmente devota al genere e ricca di passione verso la propria musica, ma che però deve ancora lavorare molto per poter esprimere pienamente il proprio potenziale. Infatti, oltre al rendere più personale la propria proposta, i Mass Crysis dovranno oliare ulteriormente la propria sezione ritmica, formata dal bassista Mattia Alunni Cardinali e dal batterista Edoardo Mariotti, in diversi casi imprecisa negli stop’n’go o non perfettamente fluida nei tempi più veloci. Ma se questi sono problemi dovuti ad una mancanza di esperienza, e quindi tranquillamente superabili, un lavoro decisamente più impegnativo spetta al vocalist Jeffckott, a mio personalissimo avviso il vero punto debole della band, la cui voce acidula a metà tra un Dave Mustaine ed uno Steve Sylvester, è spesso fuori tempo e mai incisiva nell’economia dei brani. Peggio ancora quando si prova ad usare un timbro più pulito, dato che la stonatura è spesso dietro l’angolo. E’ questa la parte dove la band umbra dovrà lavorare più a fondo, poichè se alcune piccole ed interessanti idee vengono fuori qua e la dai solchi di questo EP, queste rischiano di essere affossate da vocal non di qualità. Per il resto, la traccia migliore è sicuramente la chiassosa e divertente “Thrash Is Nothing Without Beer”, la cui parte centrale country-western è decisamente azzeccata, mentre la conclusiva “(We Are) Mass Crysis”, vede la band avventurarsi in soluzioni più elaborate e nelle quali è presente un buon assolo del chitarrista Andrea Giordani. Per il resto, in bocca al lupo alla band, sperando nel prossimo futuro la loro passione per la musica ed il Thrash Metal li porti a superare i limiti mostrati in questo loro esordio.

BRIEF COMMENT: Debut EP for this young Italian Thrash Metal band called Mass Crysis, in which the quartet follows the path traced by the masters of the genre (Metallica is the most quoted reference). Some problems in the rhytmic section and in the voice of the singer Jeffckott need to be fixed, but the passion put in the record seems to be real and strong, so I expect that there will be many improvement in the future.

Etichetta: Autoprodotto
Anno di Pubblicazione: 2013
TRACKLIST: 01. Sentence To The Damned; 02. Thrash Is Nothing Without Beer; 03. False Justice; 04. (We Are) Mass Crysis
Durata: 19:42 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.