MASSEMORD
“Skogen Kaller”

Se ormai da molti anni la produzione di demo, mini EP e quant’altro è pressoché alla portata di tutti, così ancora non è per quanto riguarda la pubblicazione di un lavoro sulla lunga distanza. Ognuno di essi può dunque essere considerato, sotto un certo punto di vista, come una summa della miglior produzione della band, e va da sé che quanto proposto risulterà tanto più eterogeneo tanto maggiore sarà stata la sua gestazione. Queste considerazioni ben si adattano a descrivere questo “Skogen Kaller” (lampante il riferimento ai Darkthrone), primo full length pubblicato nel 2003 dai norvegesi Massemord, dimostratisi perseveranti e pazienti nell’attendere ben 10 anni prima di ottenere l’ambita pubblicazione. Inevitabile, come detto, trovarsi di fronte ad una disomogeneità di fondo, con brani privi di un evidente filo conduttore e contenenti vari stili compositivi; ma quello che per molti potrebbe rivelarsi un difetto nella realtà risulta essere un punto di forza, trasformando l’album da un piatto e prevedibile divertissement in un valido spaccato di quanto il Black Metal ha offerto nel corso degli anni.

Se nei primi brani infatti riecheggiano riff old school, nell’ultima parte dell’album si ha un’inversione di tendenza, con il comparire di pezzi che strizzano l’occhio a produzioni più “moderne” (Dimmu Borgir), seppur sempre rilette in chiave personale anche per via dell’utilizzo delle tastiere, mai invadenti e in grado di donare una profondità maggiore alle composizioni, “Skogen Kaller Og Vi Svarer” su tutte. In definitiva i Massemord non propongono niente che non sia direttamente riconducibile ai grandi maestri norvegesi, ma pur restando volutamente in questi precisi canoni stilistici non si limitano mai a copiare pedissequamente un solo stile ma mutano di volta in volta tali influenze, evitando un eccessivo appiattimento compositivo.

Un lavoro consigliabile dunque sia agli appassionati di vecchia data, che riconosceranno sicuramente le varie “citazioni” e apprezzeranno la loro rilettura, sia ai neofiti del genere, che con “Skogen Kaller” potranno farsi un’idea di come il Black Metal sia cambiato negli anni.

BRIEF COMMENT: “Skogen Kaller” is a sort of tribute album (starting from title) that perfectly shows how Black Metal changes during a decade. Surely not a masterpiece nor a “must have” album, but worth a listen.

Etichetta: Blackmetal.com Records
Anno di pubblicazione: 2003
TRACKLIST: 01. Naar Solen Doer Bak Fjellet; 02. Solen Skinner Ikkje; 03. Lyset Forsvinner; 04. Eternal War; 05. Skogen Kaller Og Vi Svarer; 06. I Have Sipped The Blood…; 07. Flowers For Your Funeral; 08. Demon Storm; 09. Soul Deceiver; 10. My Last Breath; 11. Den Gamle Festningen
Durata: 47:55 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.