NIAMH
“Corax”

Difficile dare una precisa collocazione di genere a questo quartetto originario di Vercelli che risponde al nome di Niamh. Infatti, se l’attacco Djent della iniziale “Putting The Fun In Funeral” di questo loro debutto intitolato “Corax” potrebbe far pensare ad un ennesimo clone dei Meshuggah, già fin dalla successiva “The Wow Factor”, un brano con delle notevoli finiture melodiche, si intuisce subito come questa sia solo una delle numerosa influenze che il gruppo ha cercato di riversare nel disco. La band sembra quasi galleggiare in una ipotetica zona di confine tra Metalcore, Nu Metal e Post-Hardcore, alternando parti muscolari, caratterizzate da un’accordatura ribassata, ai più tipici breakdown del genere, con il chorus cantato quasi sempre in pulito dal vocalist Mike. Per quel che mi riguarda, ascoltando questo “Corax” mi è venuto spesso in mente il sottovalutato “Natural Born Chaos” dei Soilwork. L’utilizzo di accordature ribassate unito ad una melodia posta in primissimo piano, nonché un leggero utilizzo anche di sottili tappeti di synth, sembrano accordarsi molto con la proposta musicale dei Niamh, portando come esempio l’accoppiata “My Antichrist Anaemia”“The Voice Made Me Do It”. Comunque sia, a parte questa sensazione personale, questo esordio della band vercellese è senza dubbio un discreto album, suonato e prodotto in maniera egregia e da cui emergono anche un paio di tracce estremamente valide e godibili, quali “Eat. Pray. Kill.” e “Mrs. Fletcher’s Relatives”, che reputo il brano migliore del lavoro e dotato di un testo alquanto assurdo, ma anche qualche brano che non convince proprio al cento per cento. Discorso a parte per la cover di “Maniac”, celeberrima traccia proveniente dalla colonna sonora del film “Flashdance”, un divertissement interpretato in maniera alquanto funzionale al proprio sound e vero e proprio colpo di coda finale del disco.

BRIEF COMMENT: “Corax” is the debut full length by Niamh, an italian band that plays a quite good hybrid of Metalcore, Nu Metal and Post-Hardcore, here and there reminding Soilwork‘s underrated “Natural Born Chaos”.

Contatti: Facebook
Etichetta: Ghost Label Record
Anno di pubblicazione: 2017
TRACKLIST: 01. Putting The Fun In Funeral; 02. The Wow Factor; 03. Eat. Pray. Kill.; 04. The Voices Made Me Do It; 05. Mrs Fletcher’s Relatives; 06. Paracetamolotov; 07. My Antichrist Anaemia; 08. Maniac (Flashdance Soundtrack Cover)
Durata: 35:02 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.