NIHILTRONIX
“Homesongs”

Non sono propriamente un esperto di Industrial, anzi come scrissi in qualche recensione passata, fino a qualche anno fa ne ero completamente a digiuno. Nessun preconcetto, ma semplicemente ritengo che per ogni tipo di musica ci sia bisogno di quell’artista o di quel disco chiave che ti faccia scattare il famoso “clic” necessario per portarti ad approfondire un genere piuttosto che un gruppo in particolare. In maniera specifica, per l’Industrial tutto questo non mi è ancora accaduto, sebbene qualcosa di Industrial Metal mi è comunque capitato di sentirlo. Nel caso di questo ensemble francese chiamato Nihiltronix, ho accettato di scrivere la recensione di questo loro “Homesongs”, più che altro perché incuriosito dalla sua copertina. Il titolo, “canzoni casalinghe”, abbinato a quella foto di un piccolo cimitero, mezza nascosto dalla balaustra in ferro battuto, mi ha particolarmente colpito, sebbene non sia in grado di darne una motivazione. Fatto sta che anche il disco stesso è piuttosto strano, sembra più una specie di Dark Wave deviata con influenze che arrivano non solo dall’Industrial, limitandosi giusto all’utilizzo di ritmiche ripetitive e suoni meccanici, ma anche dal Punk e dall’elettronica. Infatti, una caratteristica particolare di “Homesongs” è il suo suono molto artigianale, ruvido sì ma non particolarmente grezzo, capace di donare una maggiore personalità alla band. Anche perché i Nihiltronix fanno un ampio uso di una strumentazione tradizionale come chitarre e bassi elettrici, per esempio si veda “Amitiè Future”, praticamente un brano Dark Wave con batteria campionata, aumentando parecchio questa sensazione di home-made recording. Tuttavia, anche se sono rimasto favorevolmente colpito da qualche brano (“No Excuse”, il basso debordante di “Collectiv Facel Vega”, o le atmosfere stranianti di “Seul/ex”), l’ascolto intero del disco mi continua a rimanere alquanto pesante. Infatti, ho come la sensazione che “Homesongs” sia una specie di antologia di brani composti in un tempo assai brevi, assemblati senza dargli alcun tipo di filo logico o rifinitura. Probabilmente mi starò sbagliando, ma dopo numerosi ascolti continuo a non togliermi di dosso questa sensazione.

BRIEF COMMENT: Nihiltronix‘s new album “Homesongs” is an Industrial Metal release in which the French band has mixed this genre with Dark Wave influences. Though there are some good tracks, I’ve found this album a tough one to listen to.

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: La Nouvelle Alliance, OPN
Anno di pubblicazione: 2017
TRACKLIST: 01. Prise De Control; 02. No excuse; 03. Collectiv Facel Vega; 04. Pas Esclave; 05. Hérédité; 06. Amitiè Future; 07. Seul/ex; 08. Etat Actuel; 09. Apeuré; 10. Ti Amo/Nazdrowia; 11. RETEX 1; 12. Mirror Versus; 13. Obedient Girl; 14. Message universel
Durata: 60:02 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.