NJIQAHDDA
“Ints | Nji | Verfatu”

Dopo la parentesi dell’esordio dei Njiijn con l’allucinante “Fortu Manske Orta”, torniamo a parlare della band madre con questo “Ints | Nji | Verfatu”, prima uscita di un 2008 che si rivelerà molto proficuo ed intenso per il duo americano. Uscito nel febbraio di quell’anno in autoproduzione firmata Njiijn Arts, seguita puntualmente da una successiva ristampa per conto della E.E.E. Recording, questo disco vede i Njiqahdda recuperare parzialmente le loro origini Black, ma senza rinunciare a quel forte tocco psichedelico che ha caratterizzato in positivo lo stupendo “Njimajikal Arts”. Infatti, la stupenda opener “Lvistagnagsetta” può essere intesa come il corrispettivo di “Blister Within The Hive”, ma declinata in una versione più oscura, che potremmo quasi azzardare Darkwave per via di quel basso così in evidenza. Tuttavia, già con la successiva “Infertel” si cambia decisamente registro, finendo dalle parti di un Black Metal di stampo quasi progressivo, dove le chitarre si trasformano in synth per l’estrema liquidità del loro suono. Altra caratteristica che appare preponderante in tutto il disco è l’estrema importanza data alla batteria\drum machine, stranamente posta quasi in primo piano, e dotata di patterns tutt’altro che banali. A fare da ponte tra questo brano ed il successivo “Interiumka” ritroviamo i field recordings, che il duo stava evidentemente iniziando ad integrare in maniera più funzionale all’interno delle loro composizioni. La stessa cosa viene anche applicata alla conclusiva “Ishymnyjers“, con la parte Ambient a svolgere un ruolo di incubatrice del brano stesso. Parlando delle due tracce sopracitate, “Interiumka” si accoda allo stile di “Infertel”, con le chitarre portate ad uno stato talmente liquido da terminarlo con una parte ambient solenne ed avvolgente, mentre “Ishymnyjers“ sembra racchiudere in sé tutte le anime di “Ints | Nji | Verfatu”, recuperando anche quel forte sentore di Darkwave presente su “Lvistagnagsetta”, ottima conclusione di un lavoro certamente di transizione, ma senza alcun dubbio di livello e con la più volte citata “Lvistagnagsetta” che vale da sola l’acquisto incondizionato del disco.

BRIEF COMMENT: “Ints | Nji | Verfatu” can be considered as a dark version of the masterpiece “Njimajikal Arts”, where the Black Metal is interpreted in a progressive way, and heavily influenced from the Darkvawe. The guitars appears quite often fluid and a lot of importance is given to the drum machine. The opener “Lvistagnagsetta” is worth the purchase of the disc.

Contatti: Bandcamp
Etichetta: Njiijn Arts Productions, E.E.E. Recordings (Reissue)
Anno di Pubblicazione: 2008, 2010
TRACKLIST: 01. Lvistagnagsetta; 02. Infertel; 03. Interiumka; 04. Ishymnyjers
Durata: 36:44 min.

Autore: KarmaKosmiK

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.