NONSUN
“Black Snow Desert”

Approcciarsi ad una uscita come questo “Black Snow Desert” del duo ucraino Nonsun equivale a lasciarsi andare ad un lungo flusso di coscienza musicale in cui la struttura delle canzoni, i riff o i testi non hanno alcun significato reale. La musica stessa sembra trasfigurarsi in un susseguirsi di paesaggi desolati e privi di qualsiasi presenza umana, con la durezza di questa natura ostile che sembra riversarsi in modo potente sull’ascoltatore. Per quel che mi riguarda, ho subito associato il tutto alle descrizioni di alcuni scenari ideati e raccontati dallo scrittore Steven Erikson nella sua famosa saga de “The Malazan Book Of The Fallen”, di cui sto attualmente terminando il settimo libro “Venti Di Morte”. Ebbene, in alcuni passaggi del romanzo ci sono diverse ambientazioni che si sposano perfettamente con quanto emerge da questo lavoro. Si, ma in sostanza, che cosa dovete aspettarvi da questo disco? Beh, la musica dei Nonsun tende ad inglobare diversi generi ed influenze. A partire dai droni tipici dei SunnO))), che però qui assumono dei panni più umani e sofferti, Alpha (batteria) e Goatooth (chitarra e basso) allargano la propria musicale al Doom, all’Ambient fino ad arrivare ad alcuni rari momenti di calma, come ad esempio “Peace Of Decay, Joy Of Collapse”, che richiamano arpeggi tipici del Post-Rock. Inutile stare a parlare di questa o quella canzone perché le tracce hanno tutte più o meno lo stesso andamento, o del fatto che forse un doppio cd è effettivamente lungo da digerire, “Black Snow Desert” è un lavoro che ha catturato sia la mia attenzione, che, cosa più importante, la mia immaginazione. Poi se riesco a sentirmi di seguito tre pezzi invece che entrambi i cd è un dettaglio. Insomma, prendetevi tutto il tempo che vi serve e fatevi questo lungo viaggio assieme ai Nonsun. Non ve ne pentirete.

BRIEF COMMENT: “Black Snow Desert” by Ukrainian duo Nonsun is a record that has to be lived, more than to be listened to. Their mixture of Drone, Doom and Ambient is able to create desert and terrific landscapes in which listeners can lose themselves. Maybe, mantaining the attention for both CDs is quite hard, but their impact is very high.

Contatti: Facebook
Etichetta: Self-released
Anno di Pubblicazione: 2016
TRACKLIST: 01. No Pity For The Beast, No Shelter For The Innocent; 02. Ashes Of Light, Demons Of Justice; 03. Crystal Empty; 04. Peace Of Decay, Joy Of Collapse; 05. Heart’s Heavy Burden; 06. Observing The Absurd; 07. Rest Of Tragedy
Durata: 74:15 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.