OUBLIETTE
“The Passage”

Sarà mai possibile mescolare l’epica feralità tipica dei Dissection con quelle gemme semi-acustiche che gli In Flames erano in grado di regalarci anni fa? A questa domanda che può sembrare tanto di un Frankenstein sonoro impossibile da conciliare, provano a rispondere gli Oubliette, un sestetto a stelle e strisce proveniente da una cittadina del Tennessee, con questo loro secondo full length intitolato “The Passage”. A chiamare in causa le due band svedesi non è il sottoscritto, bensì la stessa label, la The Artisan Era, capace di attirare la mia attenzione con la scritta in neretto “For fans of Dissection and In Flames”. Certo, scritta così la cosa potrebbe sembrare anche ridicola, però se ci pensate, l’ultimo lascito di Jon Nödtveidt, il controverso “Reinkaos”, fu un lavoro che richiamava fortemente i dettami del Melodic Death svedese. Tornando a parlare di questi Oubliette, non soltanto tentano di riportare in vita il Dissection sound, ma provano a farlo utilizzando una screamer alla voce, tale Emily Low. Una scelta sulla carta molto rischiosa, ma che in realtà si rivela piuttosto azzeccata. Prima ancora di leggere le note sulla line-up della band, ero perfettamente convinto che a cantare fosse un uomo, vista l’enorme somiglianza della timbrica del suo screaming con quello del compianto Jon Nödtveidt. “The Passage”, al netto di qualche ingenuità e citazione di troppo, è un gran bel disco. Questi baldi americani sono alla perenne ricerca di un punto di equilibrio tra parti più atmosferiche, dove a predominare sono le chitarre acustiche, e passaggi più veloci in tremolo picking. Difficile parlare di Black Metal per questi Oubliette, dal momento che per loro è più importante creare sound di atmosfera, che assaltare furiosamente l’ascoltatore. A questo proposito, direi che “Barren” sia assolutamente perfetta nel rappresentare al meglio la loro proposta musicale. Atmosfera sognante e sospesa, gli arrangiamenti tutto fuorché banali, e lo scream di Emily che è dotato di una bella aura sofferta, che ben si addice alla traccia. Insomma, gli Oubliette sono una band decisamente da seguire. Infatti, anche se l’influenza dei Dissection è ben presente, talvolta anche in maniera troppo ingombrante, i nostri riescono con eleganza a far uscire la propria personalità. La cosa che mi fa ben sperare per il futuro, è che la band ha ancora notevoli margini di miglioramento, perciò per il momento godiamoci questo “The Passage”.

BRIEF COMMENT: Even if the tag “For fans of Dissection and In Flames” may be a bit misleading, “The Passage” is a pretty good work in which the American band Oubliette has created an intense and atmospheric Melodic Black/Death Metal.

Contatti: Facebook
Etichetta: The Artisan Era
Anno di pubblicazione: 2018
TRACKLIST: 01. A Pale Innocence; 02. The Curse; 03. Solitude; 04. Elegy; 05. Emptiness; 06. The Raven’s Lullaby; 07. Barren; 08. The Passage
Durata: 39:23 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.