PAUL CHAIN
“Ash”

A due mesi di distanza dalla recensione dello stupendo “Violet Art Of Improvisation”, ritorno a parlare di Paul Chain per segnalarvi l’uscita di questa ristampa dell’EP “Ash”, anch’essa rilasciata dalla Minotauro Records lo scorso novembre. Storicamente “Ash”, pur essendo a livello di durata poco più che un EP, o meglio un 12″ nella sua versione originale, è sempre risultato un lavoro molto controverso all’intero della sua discografia solista. Collocato cronologicamente tra l’ultimo lavoro composto assieme ai Violet Theater ed il suo primo full-lenght in solitaria, il grandioso “Life & Death”, “Ash” mostra sin dal basso pulsante di Maury Lion (ex-Gunfire) nell’opener “Eternal Flame”, un ritorno a sonorità decisamente più Metal, con frequenti richiami allo Speed ma anche al Thrash. La voce di Paul si rende molto acida e acuta, risuonando maleficamente molto vicina a quella del suo ex fratello di sangue. Sto parlando ovviamente di Steve Sylvester, che in quel periodo era in procinto di ritornare prepotentemente sulla scena con il leggendario debutto “…In Death Of Steve Sylvester” dei Death SS, che conteneva anche parecchio materiale composto nel primo periodo con Paul Chain. La sensazione di “ritorno ai vecchi tempi” si fa’ molto più netta con l’Heavy Doom magistrale di “Image Down”, dotato di fantastici interventi solistici di Paul, un pezzo che non avrebbe affatto sfigurato nel repertorio dei Death SS. La successiva “Electroshock” mostra un Paul decisamente incazzato, alle prese con uno Speed Thrash avente molte assonanze con la scena tedesca. Un brano decisamente strano per gli standard di Paul, e da me non proprio apprezzato in toto. Tuttavia, la successiva “Abyss” ci riporta in una dimensione tipicamente Paul Chain fatta solo di oscure tastiere ed oscure presenze, in una sorta di lungo intermezzo onirico che funge da preludio al gioiellino “I Remember A Black Mass”. Un brano dall’andatura cadenzata nel quale il gusto melodico della chitarra di Paul si scontra con la sua aspra litania vocale, creando una sensazione di instabilità continua, di un qualcuno terribilmente in bilico sull’orlo di un burrone. Originariamente “Ash” finiva qui, ma la Minotauro Records ha aggiunto come bonus track “Moment Of Rage”, scartata all’ultimo momento e finita su uno split 7″ del 1991, e “Undead”, facente anch’essa parte delle sessioni di registrazione fatte ai Koala Studios e riesumata dallo stesso Paul in una raccolta di materiale inedito chiamata “Relative Tapes 1980-1990” e rilasciata nel 1992. La prima ricalca molto lo stile Speed di “Eternal Flame”, mentre “Undead” si apre con una serie di chitarre impazzite impegnate in assoli dal forte sapore Blues, per poi sfociare in una traccia che sembra uscire direttamente da “Kill’Em All”. Il brano è molto interessante poiché ci permette di osservare un Paul Chain in vesti decisamente differenti da quelle normalmente immaginate. Tuttavia, la produzione risulta molto ovattata e la voce troppo alta, ma essendo un brano recuperato chissà dove mi sembra anche normale. Andando a chiudere, “Ash” è un lavoro decisamente anomalo per il buon Paul, ma assolutamente non scevro di piccole gemme nascoste che andrebbero riscoperte. Ottima quindi la scelta della Minotauro di andare a ripubblicare in un elegante digipack questo lavoro minore del grande chitarrista pesarese.

BRIEF COMMENT: Originally published in 1988 and now reissued by Minotauro Records, “Ash” EP was an atypical release in Paul Chain‘s discography since the italian guitarist created five songs more Speed/Thrash oriented than usual. Maybe not his best work, but it has surely some good tracks that should be rediscover, so this is the right chance.

Contatti: Sito Ufficiale (Etichetta)
Etichetta: Minotauro Records
Anno di pubblicazione: 1988, 2015 (Reissue)
TRACKLIST: 01. Eternal Flame; 02. Image Down; 03. Electroshock; 04. Abyss; 05. I Remember A Black Mass 06. Moment Of Rage (Bonus Track); 07. Undead (Bonus Track)
Durata: 37:35 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.