PAUL CHAIN
“Container 168 – Master Of All Times”

Uscito originariamente nel 2001 per conto della label veneta Andromeda Relix, “Container 168 – Master Of All Times” è il risultato di un’intensa seduta di improvvisazione avvenuta il 30 ottobre di due anni prima. Il buon Paul, qui nelle vesti di Paul Chain The Improvisor, decide di metter da parte la sua chitarra per dedicarsi esclusivamente all’organo Hammond e alle tastiere. A partecipare a queste intense session d’improvvisazione, infatti il termine container veniva usato da Paul per organizzare le sue diverse sedute di registrazione, troviamo un ristretto gruppo di musicisti, ossia il flauto etereo di Anna Auer, presente anche insieme a Paul nelle splendide session fotografie stile liberty del booklet, la precisa batteria di Danilo Gabanelli, e lo spettrale violino di Filippo Rollando, il cui suono sembra voler ricreare in diversi passaggi quello di una chitarra elettrica. Ovviamente questa particolare line-up non poteva che creare qualcosa di assolutamente diverso da quanto normalmente proposto dal maestro pesarese. La sua musica perde sicuramente gran parte di quella forte impronta di oscurità che caratterizzava le famose opere soliste, tra l’altro non troviamo alcuna traccia di Metal, ed il tutto si sposta su di un piano sonoro dai toni fortemente psichedelici, per non dire spesso ipnotici. L’intero disco è un lungo e persistente trip sonoro, dove le tastiere di Paul dipingono incredibili scenari caleidoscopici, dove i retaggi di psichedelia degni anni ’60 si sciolgono in contesti sonori a metà fra il free-jazz ed il Progressive. La lunghissima opener “Strange Philosophy Of Life” è assolutamente fantastica, con le sue molteplici trame sonore a dipanarsi in un vorticoso scenario spaziale. Davvero molto belle sono anche la successiva ed incalzante “Spiritual Way”, dominata dagli assoli di violino elettrico di Rollando, e “Water Of The Verity”, che tra strani effetti sonori e l’ossessivo hammond di Paul, riesce a trasmettere quel senso di inquietudine tipico di molta della sua precedente produzione.

A render ancora più imperdibile questa nuova edizione pubblicata dalla Minotauro Records, troviamo un secondo cd contente tre lunghe tracce registrate con una differente line-up, che prevede Danilo Savanas alla batteria e Simon Giannotti al basso. “Before The War”, giocata tutta sugli effetti di basso di Giannotti, puzza di zolfo al punto giusto, mentre la successiva “Listening Chaos”, ci trasporta dritti dritti in un vecchio film poliziesco degli anni ’70, dove le tastiere jazzate di Paul trovano supporto in una magistrale prova al basso di Giannotti. Si arriva poi alla bellissima traccia finale, “The End Of A Love Conflict”, in cui Paul decide di riabbracciare la sua chitarra e regalarci uno dei suoi fantastici assoli.

Sebbene sia molto lontano dalle tipiche sonorità a cui il buon Paul ci ha a lungo abituato, questo “Container 168 – Master Of All Times” è un disco che riesce rapidamente a sedurre ed ammaliare. Anche se, alla fine dei conti, abbia una netta preferenza per le composizioni presenti sul bonus cd, la prestazione di Giannotti al basso è stratosferica ed è impressionante come il musicista pesarese riesca comunque ad imprimere una forte personalità anche usando solamente synth ed hammond, soprattutto improvvisando. Perché, è sempre bene ricordarlo, questo lavoro è completamente improvvisato e registrato su un registratore a due tracce. Eppure, nonostante la semplicità di esecuzione e registrazione, il disco mostra una sua particolare atmosfera, che si sparge subito lungo i solchi del disco. Fantastico.

BRIEF COMMENT: “Container 168 – Master Of All Times” is a peculiar work, being a totally improvised recording session by Paul Chain in which he played only an hammond and various synths. The atmosphere of the album is psychedelic and really hypnotic, with the violin of Filippo Rolando that almost plays the role of an electric guitar. This new reissue from Minotauro Records comes also with a very interesting bonus CD containing three unreleased tracks made by a different line-up.

Contatti: Sito Ufficiale (Etichetta)
Etichetta: Andromeda Relix, Minotauro Records (Reissue)
Anno di pubblicazione: 2001, 2017 (Reissue)
TRACKLIST: CD1 01. Strange Philosophy Of Life; 02. Spiritual Way; 03. Inexplicable Inwardness; 04. Water Of The Verity; 05. Hoping For Better Things CD2 01. Before The War (Bonus Track); 02. Listening Chaos (Bonus Track); 03. The End Of A Love Conflict (Bonus Track)
Durata: 70:35 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.