PERIPHERAL CORTEX
“Rupture”

Pur potendomi modestamente definire un ascoltatore a 360 gradi, ho da tempo diversi problemi ad accostarmi a tutte queste band moderne che affrontano il Death Metal da punto di vista prettamente tecnico strumentale, e che vengono racchiuse nell’etichetta Technical Death Metal. Per carità, nessuno mette in discussione il loro talento, ma spesso per mettere in evidenza le proprie capacità strumentali questi gruppi finiscono con il perdere di vista l’aspetto musicale, limitandosi ad una accozzaglia di riff suonati a velocità supersonica senza capo ne coda, in grado di togliere al Death Metal la propria tendenza distruttiva. Tutto questo breve preambolo, che forse avete già ascoltato in parecchie occasioni, serve ad introdurre i Peripheral Cortex, giovane band berlinese che si affaccia nell’underground con questo breve demo intitolato “Rupture”. Infatti, il loro sound presenta tutti i tipici clichè del genere, con riff velocissimi ed intricatissimi di chiara matrice Necrophagist, produzione pulita e qualche passaggio più melodico, che denota richiami ai Carcass e ai Death. Anche se in questi casi dare giudizi affrettati con due soli brani può rivelarsi errato, la mia prima impressione è che questo quartetto berlinese debba ulteriormente lavorare sulla propria personalità musicale, ancora troppo derivativa in fase di scrittura, magari lasciando un pochino da parte il loro enorme bagaglio tecnico in favore di un impatto più diretto. Anche le vocal di Jo non mi fanno particolarmente impazzire, e risultano ancora parzialmente slegate dalla restante parte musicale. Non resta quindi che rimanere in attesa di ulteriori release di questi Peripheral Cortex per constatare possibili evoluzioni musicali della band.

BRIEF COMMENT: “Rupture” is the debut demo by Peripheral Cortex, a young german act that plays an intricated Technical Death Metal in the veins of Necrophagist, with some more melodic parts that recall bands like Carcass or Death. Two tracks are obviously not enough for giving a complete picture of the band, but it’s quite clear that the quartet has to work hard in order to develop its own musical trademark.

Contatti: Facebook
Etichetta: Self-released
Anno di Pubblicazione: 2016
TRACKLIST: 01. Rupturing Aeons; 02. Ascending The Periphery
Durata: 9:46 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.