SADISTIK FOREST
“Morbid Majesties”

Ricordo perfettamente che venni a conoscenza di questi Sadistik Forest diversi anni fa, quando un mio amico mi disse di ascoltare due gruppi che a loro modo considerava una buona riproposizione del tipico Swedish sound. Le band in questione erano ovviamente proprio i Sadistik Forest, che in quel periodo avevano appena pubblicato il loro omonimo album d’esordio, e i Tribulation, freschi di debutto col loro acclamatissimo “The Horror”. Anche se rimasi più attratto verso i secondi, nonostante poi smisi di seguirli già dal successivo “The Formula Of Death”, il debutto del quartetto finnico mostrava già una totale dedizione alla causa ed una serie di pezzi tutto sommato abbastanza godibili. Ora, a ben sei anni dal successore “Death, Doom And Radiation”, che purtroppo non ebbi modo di sentire, i Sadistik Forest ritornano alla carica con un nuovo lavoro pubblicato sotto l’egida della Trascending Obscurity Records. Se la prima traccia mostra sin da subito un solido legame con la tradizione svedese, che si mantiene sempre ben presente lungo la durata di questo “Morbid Majesties”, non ci vuole molto a percepire che qualcosa sembra proprio essere cambiato per i finlandesi. A partire dalla produzione, molto più muscolare e definita rispetto a quella proposta nel loro esordio, i Sadistik Forest sembrano volere guardare con molta insistenza verso oltreoceano, attraverso un innalzamento della complessità strumentale, con annessi parecchi assoli schizzati nel classico stile Slayer. Un esempio di questo connubio può essere “Decades Of Torment Then Death”, piena di feroci assalti all’arma bianca alternati a dei momenti maggiormente strutturati. Personalmente, li continuo a preferire quando si mantengono saldi alla tradizione europea, mettendo un po’ da parte le ritmiche schiacchiasassi tipiche del Death americano. Tuttavia, più che un problema dovuto allo stile, quello che non mi ha convinto di questo “Morbid Majesties” è proprio una assenza di direzione che sembra emergere da questo lavoro. Quello che voglio dire è che i brani sembrano più delle raccolte di riff, che ogni tanto citano gli Entombed, un’altra i Death, e così via, mancando di una certa organicità. Per farla ancora più breve, diciamo che questo “Morbid Majesties” è purtroppo un full length che si perde nell’oceano di mediocrità che affolla oggigiorno la scena Death. Da rivedere.

BRIEF COMMENT: In their third full length “Morbid Majesties”, Finnish Sadistik Forest have developed their sound close to a Death Metal inspired by American acts. Thought there’s nothing really wrong in it, I think it’s an album that will hardly distinguish itself from all the Death Metal releases out there.

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: Transcending Obscurity Records
Anno di pubblicazione: 2018
TRACKLIST: 01. Morbidly Majestic; 02. Decades Of Torment Then Death; 03. The Hour Of Dread; 04. Destructive Art; 05. Zero Progress; 06. Monsters Of Death; 07. The Maelstrom Opens; 08. Bones Of A Giant
Durata: 34:50 min.

Autore: KarmaKosmiK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.