SAOR
“Guardians”

Anche se le sempre numerose richieste che ci arrivano mi permettono di avere un discreto spaccato di quel che c’è in circolazione nell’affollato panorama Metal, di tanto in tanto non mi dispiace perdermi nei meandri di quello sterminato mondo che è Bandcamp. Questa volta voglio portare alla vostra attenzione il nome del progetto Saor, una one man band scozzese in cui sono incappato più o meno un annetto fa e che mi ero ripromesso di tenere d’occhio in attesa della pubblicazione del suo terzo full length. Essendo arrivato colpevolmente in ritardo per parlarvi dei due ottimi predecessori “Roots” e “Aura”, l’uscita di questo “Guardians” rappresentava una perfetta occasione per rimediare a questa mia mancanza, e già dal primo ascolto è impossibile non rendersi conto come Andy Marshall abbia fatto per l’ennesima volta centro mettendo in mostra una qualità compositiva di quelle che non si vedono poi così tanto spesso in giro. Ma andiamo con ordine. Se nei primi due lavori a firma Saor si trovava una piacevole commistione tra sonorità tipicamente Atmospheric Black Metal ed elementi Folk, in questa nuova fatica del progetto scozzese il tutto viene rielaborato se possibile in modo ancor più convincente e, se vogliamo, maestoso. Cornamuse, archi, violini e bodhrán, sempre affidati a dei turnisti, come pure la batteria, sono ben lontani dall’essere dei meri orpelli decorativi aggiunti qua e là solamente per dare un pizzico di colore al tutto, e in diversi frangenti assurgono infatti ad elemento cardine su cui si fondano e si sviluppano i brani, tra cui spiccano la title track e “The Declaration”. Il risultato è un album carico di suggestioni e paessaggi evocativi che, mutatis mutandis, mi hanno in qualche modo ricordato certe atmosfere create da A. Lunn (ironia della sorte, guest alle pelli nel precedente lavoro) con il suo progetto Panopticon. Ma in ogni caso, inutile girarci troppo intorno o perdere tempo cercando di descrivere le mille sfaccettature che emergono dai suoi solchi, questo “Guardians” è un’uscita che gli appassionati del genere, ma non solo, farebbero bene a prendere in seria considerazione.

BRIEF COMMENT: After two stunning albums as “Roots” and “Aura”, Scottish one man band Saor is back with another excellent release. With “Guardians”, his third full length, Andy Marshall shows once again all his songwriting skills creating one of the best albums of the year. Don’t miss it!

Contatti: Facebook
Etichetta: Northern Silence Productions
Anno di pubblicazione: 2016
TRACKLIST: 01. Guardians; 02. The Declaration; 03. Autumn Rain; 04. Hearth; 05. Tears Of A Nation
Durata: 55:56 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.